Casilina News
Attualità

Professore si dà fuoco davanti alla caserma dei Carabinieri: è in gravi condizioni

professore fuoco caserma carabinieri video

Un docente, F. C. di 33 anni, si è dato fuoco davanti alla caserma dei Carabinieri di Rende, in provincia di Cosenza, in Calabria.

L’uomo, è grave in prognosi riservata, verrà trasferito al Centro grandi ustionati di Napoli non appena sarà stabilizzato

Secondo quanto si apprende, lavorava in Lombardia come docente e aveva da poco fatto rientro alla sua abitazione di Cosenza. Agli investigatori non risultano episodi pregressi di tipo penale né militanza in gruppi ideologici estremi. L’ipotesi, dunque, è quella di un gesto estremo ed è anche giudicata del tutto fortuita la scelta del luogo dove è stato compiuto.

L’uomo avrebbe riportato gravi ustioni sul 70 per cento del corpo ed è stato immediatamente soccorso e trasportato all’ospedale dell’Annunziata dove è stato ricoverato in Terapia intensiva. Si è successivamente deciso il trasferimento al centro grandi ustionati di Napoli. La tragedia si è consumata attorno alle 10 quando l’uomo è arrivato a bordo di una Fiat Seicento gialla, parcheggiandola vicino alla caserma scendendo dall’auto con una tanica in mano. Arrivato davanti all’ingresso si è cosparso di benzina e si è dato fuoco. Non avrebbe detto nulla.

E’ stato poi salvato da due persone con un estintore, Roberto Viatore e Dmytro Berezyak entrambi dipendenti di un gommista della zona. Sull’accaduto indagano i carabinieri. Secondo quanto si apprende, l’uomo lavora in Lombardia come docente e aveva da poco fatto rientro in Calabria. L’uomo, rileva Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, avrebbe compiuto il gesto senza dire nulla.

Di seguito il link del video da scena da film e il relativo salvataggio: