Casilina News
Attualità

Roma la città più pericolosa d’Italia per i pedoni. Codacons presenta denuncia contro le strisce pedonali “killer”

Roma la città più pericolosa d'Italia per i pedone. Codacons presenta denuncia contro le strisce pedonali "killer"

Il Codacons ha presentato una denuncia alla Procura e alla Corte dei Conti per via dei numerosi incidenti che avvengono a Roma. Di seguito, le loro parole:

ROMA CITTA’ PIU’ PERICOLOSA D’ITALIA PER I PEDONI. 87 MORTI NEL BIENNIO 2019/2020 E INCIDENTI IN AUMENTO 

STRISCE PEDONALI INVISIBILI E CATTIVO STATO DELLE STRADE LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE TRA I PEDONI NELLA CAPITALE 

Le strisce pedonali “killer” della capitale hanno provocato un totale di 87 morti nel biennio 2019/2020, e nel 2021 si è registrata a Roma una escalation di incidenti stradali che, solo nei primi dieci mesi dell’anno, hanno provocato un totale di 84 vittime. Lo denuncia oggi il Codacons, che annuncia un nuovo esposto a Procura e Corte dei Conti.

“Roma si conferma la città più pericolosa d’Italia per i pedoni, quella cioè dove è più elevato il rischio di essere investiti mentre si attraversa una strada – afferma il presidente Carlo Rienzi – Tra le principali cause di incidenti e decessi di pedoni vi sono le strisce pedonali invisibili e scolorite, e il dissesto del manto stradale, tra buche e avvallamenti insidiosissimi. Una questione che abbiamo più volte denunciato alle competenti autorità e che finora non ha trovato alcuna soluzione, con la magistratura capitolina che lascia nel cassetto importanti denunce di rilevanza sociale mentre sembra dedicarsi a tempo da record alle questioni attinenti a rapper e influencer”.

Una indagine realizzata anni fa dal Codacons sulle zebre della capitale aveva evidenziato come, alla base del rapido deterioramento delle strisce pedonali, vi fosse la scarsa qualità delle vernici utilizzate per la segnaletica stradale, che letteralmente scompariva pochi mesi dopo la messa in posa.

Per tale motivo l’associazione annuncia un nuovo esposto a Procura e Corte dei Conti affinché sia aperta una indagine sullo stato delle strisce pedonali di Roma, volta ad accertare come vengono eseguiti i lavori dalle ditte cui l Comune affida gli incarichi, ed eventuali sprechi di soldi pubblici a danno della collettività.

Il Codacons terrà inoltre domani un esperimento sulle buche stradali (ore 14 presso il capolinea del tram 2 in Piazzale Flaminio) per registrare in modo scientifico le vibrazioni prodotte dal dissesto dell’asfalto e le conseguenze delle buche sul corpo umano. Esperimento al quale possono partecipare i giornalisti.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

13 − cinque =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy