Casilina News
Cronaca

Reati societari ai danni di un istituto di credito del centro Italia: sequestrati beni per circa 2 milioni di euro

Civitavecchia, controlli al porto: scoperti oltre 120 kg di droga su un camion

I finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Velletri, stanno dando esecuzione ad un provvedimento di sequestro per circa 1,8 milioni di euro – emesso dal GIP del Tribunale di Velletri – nei confronti di un ex consigliere e del Presidente del collegio sindacale di un Istituto di credito del centro Italia, indagati per omessa comunicazione del conflitto di interessi.

Le indagini

Le indagini sono state avviate a seguito dei rilievi mossi dalla Banca d’Italia all’esito di un’attività ispettiva
condotta, nel 2018, nei confronti del predetto istituto, che ha fatto emergere alcune anomalie.
In base agli elementi successivamente raccolti dalle fiamme gialle, sono emersi indizi secondo i quali i due
indagati, titolari di cariche anche all’interno di una società operante nel settore petrolifero, avrebbero omesso di comunicare agli organi della banca, nel periodo dal 2015 al 2017, l’esistenza di un conflitto di interessi nell’erogazione di finanziamenti a favore di imprese clienti della “loro” azienda.

LEGGI ANCHE – Roma. Mega truffa ai danni di clienti bancari: nei guai tre persone

Le linee di credito aperte avrebbero, da un lato, favorito la predetta società petrolifera in quanto utilizzate dai
beneficiari dei finanziamenti per saldare debiti commerciali per circa 1,8 milioni di euro, dall’altro, avrebbero
provocato un “danno” all’istituto di credito, poiché, essendo state riclassificate in “inadempienze probabili”,
hanno peggiorato il portafoglio degli impieghi della banca.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

cinque × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy