Casilina News
Attualità

Lazio, avvisi di pagamento per migliaia di euro in ticket sanitari: CODICI avvia le verifiche

Polase difesa inverno ritirato ancora per "tracce di ossido di etilene": ecco i nuovi lotti e info

Sono tanti i cittadini del Lazio che si sono visti recapitare avvisi di pagamento, per il periodo dal 2011 al 2018, relativi al recupero dei ticket sanitari non corrisposti per errate o inappropriate attestazioni di esenzione per reddito.

Avviate le verifiche sulle comunicazioni inviate dalla Regione Lazio: nota dell’Associazione CODICI

Cittadini che l’associazione Codici ha deciso di tutelare, avviando un’azione volta ad appurare la legittimità delle richieste avanzate dalla Regione Lazio, partendo da un presupposto fondamentale: al momento non bisogna pagare nulla. “Come spiegato dalla stessa Regione – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici –, le comunicazioni nascono dalla necessità di interrompere i termini di prescrizione e per ora non sono previsti pagamenti, in quanto sono sospesi fino a quando resterà in vigore lo stato di emergenza pandemico”.

Centinaia le segnalazioni ricevute in questi giorni dagli Sportelli dell’associazione, a cui si sono rivolti cittadini preoccupati, sia per gli importi richiesti che per il periodo di riferimento, visto che si va dal 2011 al 2018 e non è facile ricordare le comunicazioni fatte e tantomeno recuperare la documentazione relativa.

“Il tempo per verificare l’accertamento e la contestazione c’è – afferma Giacomelli –, ma il nostro consiglio è quello di controllare comunque subito la propria posizione, in modo da poter preparare l’eventuale opposizione e non rimanere spiazzati da un’eventuale nuova comunicazione della Regione. Tra le segnalazioni che abbiamo ricevuto ci sono casi in cui le richieste sono importanti, parliamo anche di migliaia di euro e di questi tempi è un problema notevole. È per questo che crediamo che la Regione si sarebbe dovuta comportare in maniera diversa, avrebbe dovuto avvisare il cittadino informandolo che risulta non avere diritto all’esenzione e che ha un termine entro cui fornire le dovute giustificazioni, mentre invece il tono della comunicazione è che il cittadino non ha diritto all’esenzione e quindi deve pagare. A tutto questo si aggiunge poi il fatto, non secondario, dell’invio massivo di queste lettere, una raffica di avvisi che ci lascia perplessi sulle procedure adottate”.

Chi ha ricevuto la comunicazione della Regione Lazio sui ticket sanitari può rivolgersi all’associazione Codici per verificare la legittimità della richiesta, inviando una copia della lettera all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org. Per maggiori informazioni e chiarimenti è possibile telefonare al numero 06.55.71.996.

Scrivi un Commento

15 − sei =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy