Casilina News
Cronaca

Guida in stato di ebbrezza a Tivoli: automobilista al volante dopo aver bevuto alcol 4 volte il consentito

Continuano i controlli straordinari della polizia locale nell’ambito del progetto “Tivoli sicura”, approvato dalla Giunta comunale a settembre, tramite il quale s’intendono rafforzare i controlli nelle ore serali oltre che in quelle ordinarie di servizio.

I controlli a Tivoli

In particolare, nel mese di settembre i controlli sono stati concentrati maggiormente nell’ambito del contrasto alla “malamovida” e alla verifica del rispetto delle norme anti Covid-19, mentre nel mese di ottobre l’attenzione é stata focalizzata, in prevalenza, sulla sicurezza stradale con posti di controllo mirati in alcune strade dell’intero territorio cittadino.

Proprio nel corso dei controlli la settimana scorsa gli agenti di Tivoli, diretti dal comandante Antonio D’Emilio, hanno accertato, tramite l’uso delle apparecchiature in dotazione, la guida in stato di ebbrezza da parte di un automobilista il quale è risultato avere un tasso alcolemico pari a 2,2 g/l, ossia oltre quattro volte il consentito. Il trasgressore é stato deferito all’autorità giudiziaria e gli é stata ritirata la patente, trasmessa in prefettura per la successiva sospensione.

I controlli degli agenti della polizia locale tiburtina continueranno anche nei prossimi mesi con almeno due servizi serali a settimana.

Tivoli. Scomparsa la 16enne Nahed Aya: ecco l’appello per ritrovarla

Il progetto “Tivoli sicura” inserisce la polizia locale tiburtina nel contesto dei soggetti che forniscono alla città sicurezza urbana anche in orario notturno, in sinergia con le altre forze dell’ordine, attivando un servizio semi-notturno di pattugliamento sia nei giorni del weekend, sia in quelli infrasettimanali.

I pattugliamenti hanno lo scopo di contrastare la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto delle sostanze stupefacenti; il controllo delle assicurazioni e delle revisioni delle auto eventualmente mancanti o scadute; il controllo degli esercizi pubblici per arginare gli eventuali epiloghi negativi della cosiddetta “movida”.

Scrivi un Commento

quattro × uno =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy