Casilina News
Attualità

Guida alla scelta di un notaio a Roma

Quando si ha la necessità di trovare un notaio a Roma ci si può imbattere, per paradosso, in qualche difficoltà dovuta alla presenza di un sacco di studi notarili attivi nella Capitale. Per capire a quale professionista affidarsi, è necessario valutare in primis le necessità che ci si propone di soddisfare, e quindi considerare gli aspetti a cui si pensa di tenere di più. Fra i tanti fattori da esaminare c’è anche la collocazione geografica dello studio: meglio sceglierne uno vicino a casa, in modo da avere un contatto diretto con il professionista in caso di necessità.

Una vasta offerta

A Roma sono centinaia e centinaia gli studi notarili che possono essere scelti, tenendo conto non solo del centro ma anche della provincia. Di conseguenza, con così tante possibilità di scelta risulta complesso individuare il miglior professionista a cui fare riferimento: c’è bisogno di individuare dei criteri ben precisi per trovare una soluzione soddisfacente. Quando giunge l’ora di acquistare una casa a Roma, d’altra parte, non si può fare a meno di ricorrere a un notaio: questa figura professionale è indispensabile non solo per effettuare tutti i controlli del caso, ma anche per compilare l’atto di compravendita.

Non solo compravendite

Ovviamente, di un notaio si ha bisogno non solo quando si è in procinto di comprare casa, ma anche in molte altre circostanze: per esempio, nel momento in cui si desidera redigere un testamento pubblico o un testamento segreto. Il notaio, infatti, è la figura deputata a ricevere le volontà testamentarie dei cittadini. Ancora, si potrebbe aver bisogno di un notaio per motivi di lavoro, magari perché si è in procinto di aprire una società di capitali o di avviare una società di persone. Così, serve un professionista che si occupi dello statuto o dell’atto costitutivo. Quindi, trova il tuo notaio a Roma scegliendo con attenzione e valutando le diverse possibilità.

Un professionista davvero importante

Come si vede, sono numerosi gli atti di notevole importanza che possono essere affidati a un notaio: a volte non si può fare altrimenti, perché si tratta di rispettare un obbligo di legge, come avviene quando si vuole aprire una società o si sta per comprare un appartamento; in altri casi, invece, è una libera scelta, come succede quando si redige un testamento segreto o pubblico. Sempre, però, trovare un notaio vuol dire poter contare su una figura ufficiale e imparziale, garanzia di legalità e di sicurezza.

L’ubicazione

Nel momento in cui si deve decidere quale notaio scegliere, spesso si vuol tenere conto anche della sua posizione geografica. Ciò è vero specialmente in presenza di compravendite di immobili. Per esempio, chi vive a Roma ma è in procinto di acquistare casa in una città diversa si domanda legittimamente se abbia senso scegliere un notaio di Roma o se invece non sia obbligato a trovarne uno nella città di destinazione. Ebbene, da questo punto di vista non ci sono problemi, poiché la scelta è sempre libera, e del tutto personale.

Chi sceglie il notaio

Nel contesto di una compravendita immobiliare, è l’acquirente che deve pagare il notaio, e di conseguenza è lui che sceglie il professionista a cui far riferimento. Non ci sono obblighi per l’acquirente, anche se è sempre consigliabile adottare un po’ di buon senso e cercare di andare incontro, nei limiti del possibile, alle esigenze della controparte, soprattutto se si tratta di un venditore che vive lontano o che comunque deve percorrere molta strada per raggiungere lo studio notarile individuato.

Scrivi un Commento

sedici − nove =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy