Casilina News
Attualità

Roma, sciolto il PICS. Le dichiarazioni del SULPL, il Sindacato Unitario dei Lavoratori della Polizia Locale

Roma, sciolto il PICS. Le dichiarazioni del SULPL, il Sindacato Unitario dei Lavoratori della Polizia Locale

Di seguito, le dichiarazioni del Sindacato Unitario dei Lavoratori della Polizia Locale.

Milani (SULPL): “Il Corpo necessita di un nuovo e condiviso ordinamento, non di estemporanee decisioni prese ad un mese dalla tornata elettorale”

“Con una disposizione del 13/09 u.s., il Comandante Generale del Corpo Dott. Ugo Angeloni, rende noto di aver provveduto a sciogliere il gruppo di Polizia Locale P.I.C.S (Pronto Intervento Centro Storico), a cinque lustri di distanza dalla sua istituzione.

Sul tema è intervenuto il SULPL (Sindacato Unitario dei Lavoratori della Polizia Locale) che in una nota del Segretario Romano Aggiunto Marco Milani dichiara: ” Al di là delle valutazioni di merito, sulla soppressione di una sezione deputata al contrasto del degrado urbano, operante dal ’95, ciò che colpisce sono le modalità e la tempistica di quanto disposto.

Da tempo infatti chiediamo all’amministrazione di Roma Capitale, un nuovo ordinamento del Corpo, capace di adeguare lo stesso alle nuove esigenze dei mutati contesti urbani e soprattutto volto a recepire, al pari degli altri comuni del Lazio, le normative regionali vigenti in tema di Polizia Locale.

Purtroppo in questa consiliatura non si è avuta la voglia e forse la forza, di procedere alla stesura di un nuovo ordinamento condiviso. Sorprende però come, ad un mese dalla scadenza elettorale, si pensi di procedere a parziali modifiche a colpi di disposizioni calate dall’alto, sopprimendo sezioni e magari elevando competenze di nuclei dell’ultima ora.

LEGGI ANCHE – Polizia Locale di Roma VS. Calenda, Milani (SULPL): “Invitiamo il candidato ad ascoltare i cittadini e la categoria, prima di lanciarsi nel rilancio di politiche sul Corpo”

È del tutto evidente come uno dei compiti della prossima amministrazione, qualunque ne sia il colore, sará quello di riordinare il Corpo dei caschi bianchi romani, che tra salti in avanti, interim, scadenze di vice comandi e mancata riforma di gradi e carriere, sembra al momento navigare a vista”, è quanto dichiarato dal Sindacato.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

9 + cinque =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy