Casilina News
Cronaca

Fregene. Furti nelle auto in sosta: identificati i due ladri

Fregene. Furti nelle auto in sosta: identificati i due ladri

Erano diventati il terrore dei villeggianti, due ladri che da alcune settimane imperversavano sul litorale di Fregene, impossessandosi di bagagli ed oggetti lasciati all’interno delle auto in sosta.

Fregene, identificati i due ladri delle auto in sosta

A nulla valevano i sistemi di allarme e le varie precauzioni poste in essere dagli autisti. I due, una volta individuato il bersaglio, erano implacabili ed in un attimo forzavano le portiere o spaccavano i vetri del mezzo, impossessandosi di tutto quello che trovavano a bordo e dandosi immediatamente alla fuga. Vittima delle loro scorribande è rimasto anche un funzionario diplomatico che ha subito il furto, dall’interno del mezzo con targa diplomatica, di alcuni importanti documenti.

La professionalità e determinazione degli uomini dell’Arma hanno consentito, al termine di un’articolata attività investigativa, di identificare i 2 ladri, entrambi pregiudicati, riuscendo ad addebitargli tre episodi di furti su auto. Una parte della refurtiva è stata recuperata.

Il loro modus operandi era sempre lo stesso: si appostavano nei pressi dei parcheggi pubblici, attendevano che la vittima si allontanasse dal veicolo e poi, dopo aver infranto il finestrino, razziavano quanto custodito nell’abitacolo. La descrizione dell’accaduto, formalizzata all’Autorità Giudiziaria, ha determinato l’emissione di un provvedimento restrittivo a carico dei malviventi.

LEGGI ANCHE – Lavoro nero in 4 stabilimenti balneari tra Fiumicino e Fregene: multe da 15mila euro per i gestori

Il Magistrato, infatti, valutata la gravità e abitualità dei reati, e ritenendo necessario limitare la capacità delinquenziale dei segnalati – uno dei quali già sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza – ne ha disposto la custodia cautelare in carcere.

I Carabinieri hanno quindi rintracciato i 2 malviventi, traducendoli, rispettivamente, presso le case circondariali di Civitavecchia e di Napoli “Poggioreale”.

Scrivi un Commento

sei − tre =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy