Casilina News
Curiosità

“Mala Movida” a Santa Severa con serata alcolica tra minorenni: giovane cade a terra privo di sensi all’uscita del locale

"Mala Movida" a Santa Severa con serata alcolica tra minorenni: giovane cade a terra privo di sensi all'uscita del locale

I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia mantengono alta l’attenzione ai luoghi di maggiore aggregazione, ai locali, alle spiagge e a tutti quei contesti in cui possano crearsi situazioni particolarmente rilevanti sul piano della sicurezza pubblica anche in relazione al perdurare della pandemia.

Sono stati intensificati i servizi di pattuglia su strada per contrastare ogni forma di “mala-movida” e i controlli alla circolazione stradale per prevenire e, dove necessario, contrastare comportamenti imprudenti che possano provocare tragiche conseguenze.

A tal proposito un esercizio commerciale del Comune di Santa Marinella, località Santa Severa è stato chiuso dai Carabinieri, dando esecuzione a un’ordinanza, emessa dal Questore di Roma, con cui è stata disposta la sospensione della licenza e contestuale chiusura per 10 giorni.

Il provvedimento è stato emesso su proposta dei Carabinieri della Stazione di Santa Severa che nel corso di specifici servizi volti a monitorare e a contrastare il fenomeno della “mala movida”, hanno accertato come il locale, ubicato in una zona interessata dalla movida estiva, nel recente passato, è stato teatro di liti e violente risse tra giovani avventori, sanzionando anche la somministrazione e la vendita di bevande alcoliche a minori.

La proposta di chiusura è scaturita anche a seguito di un grave episodio, accaduto nel locale, denunciato dai genitori di un minore che era stato colto da malore dopo aver consumato sostanze alcoliche all’interno dell’esercizio.

Il fatto è accaduto la notte tra il 6 e il 7 agosto, quando alcuni ragazzi, tutti minorenni, si erano dati appuntamento all’interno del locale per trascorrere la serata. Qui hanno consumato svariati “shottini” di vodka ed altri cocktail a base alcolica, senza che l’addetto alla somministrazione chiedesse i documenti per accertare la loro identità, nonostante fosse palese la loro giovane età.

La serata è proseguita fino a quando il ragazzo, all’atto di lasciare il locale, è caduto a terra privo di sensi.

Scrivi un Commento

quattro + 12 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy