Casilina News
Cronaca

Civitavecchia, rissa furiosa con mazze di ferro nel centro città: tre persone arrestate

civitavecchia rissa mazze di ferro centro città

Arrestati in flagranza di reato dagli agenti del locale Commissariato, diretto da Paolo Guiso, due civitavecchiesi G.B. e V.B quarantenni e fratelli ed un terzo loro complice A.C. 35enne, autori sabato scorso di un pericolosa aggressione ai danni dell’ex convivente della donna anche lei partecipe al fatto (V.B.).

Ecco tutti i dettagli

Erano le 21 circa della sera quando la volante del Commissariato è intervenuta tempestivamente in via  Mazzini dove era in corso una furibonda rissa tra un gruppo di persone, alcune delle quali armate di mazze di ferro.

Gli agenti sul posto hanno fermato i tre arrestati nonché, nei pressi, anche la vittima  che presentava una vistosa ferita lacero contusa al naso e gli indumenti strappati.  Immediatamente soccorso, il ferito è stato trasportato presso l’ospedale più vicino e refertato con sette giorni di prognosi.

Subito avviate le indagini, ascoltando tutti i presenti ed alcuni testimoni oculari, gli agenti delle volanti e della squadra di polizia giudiziaria, sono riusciti in breve tempo a ricostruire l’accaduto.

E’ così emerso che i tre arrestati avevano organizzato una spedizione punitiva  ai danni dell’ex convivente di V.B., reo di aver cercato di convincerla a tornare con sé offrendole della sostanza stupefacente, malgrado lei fosse da poco uscita dai problemi di tossicodipendenza.

Gli inquirenti hanno anche rinvenuto e sequestrato, all’interno dell’autovettura di A.C., una chiave in ferro svita bulloni ed il coltello usati per l’aggressione, che avrebbero pertanto  potuto avere ben altre conseguenze se gli agenti non fossero intervenuti in tempo.

LEGGI ANCHE – Spaccio ed estorsione: due arresti tra Civitavecchia e Allumiere. Erano spietatissimi nel loro agire

Al termine delle indagini i tre venivano dichiarati in arresto per i reati di lesione aggravata, minacce aggravate e porto di armi improprie e quindi associati in  carcere a disposizione della locale Autorità Giudiziaria, che provvederà alla convalida del provvedimento.

Scrivi un Commento

uno × 1 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy