Casilina News
Attualità

Tor Bella Monaca, manifestazione per la dignità e la libertà dalle mafie: presidio convocato da associazioni di quartiere

Tor Bella Monaca, 50 pacchi viveri a famiglie fragili da Medicina Solidale

La Regione Lazio aderisce al presidio convocato oggi pomeriggio a Tor Bella Monaca da tante associazioni, sindacati e realtà del quartiere per la dignità e la libertà dal narcotraffico gestito dalla criminalità organizzata.

ROMA, CIOFFREDI: NEL POMERIGGIO A TOR BELLA MONACA MANIFESTAZIONE PER LA DIGNITA’ E LA LIBERTA’ DALLE MAFIE

“Come Regione da anni stiamo accompagnando percorsi di riscatto e partecipazione di cui sono protagonisti i cittadini e le associazioni di Tor Bella Monaca. Parteciperemo al presidio di via Francesco Londonio con l’impegno sempre più determinato a sostenere tutte quelle iniziative che alimentano la speranza e generano il cambiamento.

Tor Bella Monaca, Tiziana Ronzio tra i 32 eroi civili insigniti al Quirinale da Mattarella: è Presidente dell’associazione Tor Più Bella

Oggi pomeriggio saremo in piazza inoltre per rinnovare la nostra vicinanza e solidarietà alla Presidente dell’associazione Tor Più Bella, Tiziana Ronzio, aggredita alcune settimane fa dagli esponenti del clan Moccia per il suo impegno a favore della legalità.

REGIONE LAZIO ADERISCE A PRESIDIO CONVOCATO DA ASSOCIAZIONI DEL QUARTIERE

Nell’esprimere gratitudine e sostegno all’attività costante delle Forze di Polizia, della Prefettura di Roma e della Magistratura nel contrasto alle piazze di spaccio ribadiamo la necessità di valorizzare le tante esperienze di civismo solidale e responsabile che rappresentano un argine potente nei confronti delle mafie.

In un quartiere tanto complesso quanto ricco di umanità ed energie positive, le realtà associative di Tor Bella Monaca ci stanno indicando la strada della legalità declinata  come impegno per la giustizia sociale, i diritti di cittadinanza e la ricostruzione di quei legami sociali in grado di sconfiggere le culture della violenza e della sopraffazione” Così in una nota Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio.