Casilina News
Curiosità

Videoconferenza… con sorpresa: Deputato sorpreso a urinare in una tazza nel bel mezzo di una seduta virtuale del Parlamento

Uniti x Colonna: "Si istituisca al più presto un ufficio intercomunale Europa"

Un deputato canadese si è dimesso da alcune delle sue funzioni e ha affermato che stava cercando “supporto adeguato” dopo essere apparso urinare durante una sessione parlamentare in videoconferenza, un mese dopo essere apparso nudo in un’altra sessione virtuale. “Ieri sera, mentre partecipavo virtualmente alle deliberazioni non pubbliche della Camera dei Comuni, ho urinato senza rendermi conto che la telecamera era accesa”, ha scritto giovedì sera il deputato William Amos sul suo account Twitter.

Deputato sorpreso a urinare in una tazza nel bel mezzo di una seduta virtuale del Parlamento

“Sono profondamente imbarazzato dalla mia condotta e dall’angoscia che può aver causato a chiunque ne sia stato testimone. Anche se accidentale (…) la mia azione è stata del tutto inappropriata, e me ne scuso con tutto il cuore”, ha aggiunto. Ad aprile, il membro è stato sorpreso nudo, in piedi tra le bandiere del Canada e del Quebec, le sue parti intime nascoste dal suo telefono, davanti alla telecamera del suo computer collegato durante il periodo delle interrogazioni in parlamento. Il signor Amos, che rappresenta il Partito Liberale di Justin Trudeau nella cavalcata di Pontiac, Quebec, ha poi anche perorato la tesi dell’incidente.

Nell’episodio più recente, Amos è stato sorpreso a urinare in una tazza di caffè, ha detto l’opposizione conservatrice in una nota. “Questo comportamento inaccettabile è normale da parte del signor Amos ed è ora chiaro che i Trudeau Liberals hanno fallito nel loro dovere di fornire un ambiente di lavoro sicuro dopo il primo incidente”, “La Camera, virtuale o meno, deve essere libera da questo tipo di comportamento “, ha martellato in una dichiarazione conservatrice Karen Vecchio.

Il signor Amos, 46 anni, ha annunciato che si sarebbe dimesso “temporaneamente” da alcune delle sue funzioni parlamentari, pur continuando a rappresentare la sua guida di Pontiac. E ha aggiunto che avrebbe cercato “il supporto appropriato”, ma senza specificarne il contenuto. Questa, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  è la seconda volta che il signor Amos è stato sorpreso a mostrarsi nudo ai suoi colleghi alla Camera dei Comuni.

Scrivi un Commento

8 − tre =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy