Casilina News
Attualità

WWF a fianco del Sindaco di Nepi: “Limitare i pesticidi da subito”

wwf sindaco nepi pesticidi

Oggi 30 maggio Giornata Nazionale Stop Pesticidi, il WWF sostiene il Sindaco del Comune di Nepi e difende la sua ordinanza stop pesticidi contro il ricorso di Assofrutti, perché un’altra agricoltura è possibile.

Le polemiche sulla biodinamica hanno il solo obiettivo di bloccare l’approvazione della legge sull’agricoltura biologica per frenare la transizione ecologica dell’agricoltura

 Il WWF scende in campo in difesa del Disegno di Legge n.988 sull’agricoltura biologica e chiede alla Camera dei Deputati di approvare rapidamente il testo licenziato dal Senato a larghissima maggioranza, con un solo voto contrario e un astenuto. Le polemiche degli ultimi giorni sull’agricoltura biodinamica sono solo l’estremo tentativo di fermare l’approvazione della Legge che riconosce e promuove tutti i modelli di agricoltura che fanno riferimento all’agroecologia come valide alternative all’agricoltura avvelenata dai pesticidi.

 L’Unione Europea con le sue Strategie “Farm to Fork” e “Biodiversità 2030” ha indicato con chiarezza la strada da percorrere per una transizione ecologica dell’agricoltura e gli obiettivi da raggiungere entro il 2030: riduzione del 50% dell’uso dei pesticidi, del 20% dei fertilizzanti chimici, destinare il 10% della superficie agricola alla tutela della natura e il 25% all’agricoltura biologica.

 La Legge che la Camera dei Deputati deve approvare rapidamente consentirà al nostro Paese di dotarsi di strumenti importanti per raggiungere questi obiettivi, come il marchio del biologico “Made in Italy”, la creazione dei Biodistretti, lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione nell’agroecologia. Chi si oppone all’approvazione del Ddl n.988 vuole contrastare questa transizione ecologica dell’agricoltura, richiesta dalla Commissione UE con il Green Deal, per tutelare gli interessi dell’industria dell’agrochimica e delle grandi corporazioni agricole.

 Per chiedere un’agricoltura libera da veleni è stata indetta per domani, 30 maggio, la Giornata Nazionale Stop Pesticidi a cui ha aderito anche il WWF Italia.

 Promossa dai comitati dei cittadini della “Marcia Stop Pesticidi” la giornata simbolica vuole evidenziare le possibili alternative all’uso della chimica di sintesi nella produzione del nostro cibo che avvelena gli ecosistemi e mette a rischio la salute dei consumatori

https://www.marciastoppesticidi.it/

 In questa giornata il WWF sostiene l’impegno del Sindaco del Comune di Nepi, Franco Vita, che con una specifica ordinanza ha regolamentato l’utilizzo dei fitofarmaci con lo scopo di mantenere la biodiversità nelle campagne, ridurre l’inquinamento dei terreni e soprattutto salvaguardare la salute dei suoi cittadini. Con questa ordinanza in alcune aree sensibili del Comune di Nepi sarà consentita solo l’agricoltura biologica.

 Per il WWF il coraggio dell’Amministrazione Comunale di Nepi deve essere un esempio per tutti i Comuni d’Italia costretti a convivere con una agricoltura intensiva basata sull’utilizzo sconsiderato di pesticidi, per questo l’Associazione difenderà l’ordinanza dall’attacco dell’Associazione della filiera agricola delle nocciole “Assofrutti” che ha presentato un ricorso al TAR per annullare le limitazioni all’utilizzo della chimica di sintesi nel territorio di Nepi.

LEGGI ANCHE – La Guardia di Finanza di Roma dona oltre 600 capi d’abbigliamento sequestrati alla casa famiglia “Lo Scoiattolo” di Nepi

“Ogni Sindaco è la prima autorità sanitaria del proprio territorio e in considerazione dei numerosi studi che confermano gli effetti negativi sulla salute delle persone all’esposizione ai pesticidi bene ha fatto il Sindaco di Nepi ad adottare l’ordinanza che limita l’utilizzo della chimica di sintesi in agricoltura, in un territorio dominato dalle produzioni intensive di nocciole. Non ci sorprende quindi l’opposizione di Assofrutti con il ricorso al TAR contro questa ordinanza, come WWF faremo di tutto per difendere il provvedimento del Comune di Nepi che ha fissato la priorità della tutela dell’ambiente e della salute di tutta la popolazione residente rispetto agli interessi economici di pochi agricoltori” ha dichiarato Andrea Filpa Delegato del WWF Italia per il Lazio.

Scrivi un Commento

dodici − sette =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy