Casilina News
Cronaca

Tragedia ad Ariccia: 14enne si butta dal ponte. Si indaga per capire i motivi

castelli romani medico ponte di ariccia

Una tragedia che si è verificata intorno alle ore 10 e 30 di oggi, venerdì 21 maggio 2021, ad Ariccia sul famoso ponte. Un ragazzo di 14 anni ha deciso di mettere fine alla sua vita.

Scavalca il parapendio e poi si butta nel vuoto

Una morte arrivata troppo presto. Tragedia ad Ariccia dove un giovane ragazzo di 14 anni (classe 2006) si è lanciato nel vuoto. Stando a quelle che sono le prime informazioni del caso, a lanciare l’allarme sarebbero stati alcuni passanti che, vedendo il giovane in procinto di buttarsi, avrebbero subito chiamato gli uomini della Polizia Stradale.

Purtroppo a poco sono serviti i soccorsi che non hanno potuto far altro che constatare la morte del giovanissimo. Sulla vicenda adesso stanno indagando le autorità giudiziarie.

LEGGI ANCHE – Lavori al Ponte di Ariccia e viabilità alternativa: il 7 aprile a Genzano e il 12 ad Albano

Condoglianze a nome di tutta la redazione.

GIOVANI, MATTIA (PD): SUICIDIO 14ENNE PONTE ARICCIA SEGNALE DI UN’INTERA GENERAZIONE CHE HA BISOGNO DI ESSERE ASCOLTATA
“Apprendo con estremo rammarico la notizia drammatica del suicidio di un giovane 14enne, buttatosi dal ponte di Ariccia questa mattina. Dalle prime ricostruzioni pare che il ragazzo vivesse da mesi uno stato di depressione legato forse alla situazione pandemica e ciò che ne consegue. Non sappiamo cosa ha potuto determinare una scelta così tragica e inspiegabile, ma è certo che un gesto come questo pesa come un macigno e pone domande serie alla società. Oggi è una giornata triste” dichiara Eleonora Mattia, Presidente IX Commissione Consiglio regionale del Lazio
“Da tempo sostengo l’importanza di rimettere al centro la voce e i bisogni dei ragazzi e delle ragazze che, i dati parlano da soli, hanno subito gravemente gli effetti della pandemia, dal punto di vista psicologico e sociale in primis. Non possiamo ignorare l’aumento dei disturbi alimentari, dell’autolesionismo, della violenza di gruppo. Sono tutti segnali di una generazione che è in difficoltà e noi dobbiamo fare tutto ciò che è nelle nostre possibilità per ridare a questi giovani una speranza, per continuare a credere nel futuro”.

Scrivi un Commento

quattordici + 18 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy