Casilina News
Cronaca

Colli Albani, urla e insulti agli agenti: tenta poi di strangolare sé stesso e i poliziotti

Latina Scalo, tenta di gettarsi nel vuoto dal parapetto del palazzo: era recidivo. Ecco come è finita

Episodio di cronaca avvenuto a Roma, Colli Albani, oltre l’orario del coprifuoco. Alle 23:30 di due notti fa, in piazzale dei Castelli Romani, un uomo ha fatto lavorare non poco le forze dell’Ordine.

Colli Albani, urla e insulti agli agenti: tenta poi di strangolare sé stesso e i poliziotti

Gli agenti della sezione Volanti, diretta da Marco Sangiovanni, hanno arrestato R.D. 23enne del Montenegro per minacce e resistenza a Pubblico Ufficiale. Gli agenti transitando in via dei Colli Albani, hanno sentito forti urla provenire da piazzale dei Castelli Romani.

Sul posto hanno trovato R. D. in evidente stato di ebbrezza. L’uomo insofferente al controllo, ha iniziato ad insultare gli agenti, rifiutandosi di indossare correttamente la mascherina. Con non poca fatica è stato portato presso gli uffici di Polizia e durante la stesura degli atti, con un gesto repentino, ha cercato di strangolarsi con il laccio della propria felpa.

Gli agenti intervenuti per fermare il 23enne sono stati aggrediti al collo con lo stesso laccio. L’uomo è stato trasportato in ospedale in codice giallo mentre uno degli agenti intervenuti ha avuto 3 giorni di prognosi per un trauma al dito della mano sinistra e al ginocchio destro. Avendo violato il coprifuoco e rifiutandosi di indossare la mascherina, R.D, è stato altresì sanzionato per la violazione della normativa anti Covid.

Foto di repertorio

Scrivi un Commento

17 − undici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy