Casilina News
Attualità

Torrevecchia, Il sindacato USB: “Ancora guerra contro i poveri”

torrevecchia occupazione valle fiorita usb

La nota del Sindacato USB

Irrompere nella scena cittadina con un’esibizione muscolare come quella prodotta nella giornata di oggi a Torrevecchia per “censire” i nuclei abitanti nell’occupazione di Valle Fiorita, ha il segno di un messaggio di guerra e come tale lo riceviamo.

Ciò che è avvenuto non è tollerabile per diversi motivi. Il primo è sicuramente la modalità prepotente e provocatoria delle azioni messe in campo, porte sfondate e serrature tagliate con il frullino, con centinaia di uomini in assetto antisommossa pronti ad una reazione violenta se le famiglie si fossero mosse per difendersi. Solo l’intelligenza e la lucidità degli occupanti hanno impedito una conclusione diversa. Un altro motivo è legato all’indisponibilità ad accettare il movimento per il diritto all’abitare come soggetto con il quale confrontarsi e al quale comunicare decisioni come quelle portate avanti in modo molto discutibile nella giornata di oggi. Il terzo non meno grave è che a quasi due anni dallo sgombero degli abitanti di via Cardinal Capranica si torna a militarizzare un quadrante già ferito dall’imponente mobilitazione poliziesca vista nel 2019, nonostante un confronto aperto sulle sorti di viale del Caravaggio con la Regione Lazio e con la Prefettura.

A che servono gli incontri se poi l’unico strumento che si continua a maneggiare è quello dello schieramento di blindati e il sequestro per ore di uomini, donne e bambini, oltretutto con un quartiere invaso da divise e mezzi militari tale da impedire la normale circolazione mattutina.

Violare in questo modo una giornata di vita delle persone coinvolte, compresi i passanti, gli automobilisti e il vicinato, equivale a seminare una tensione che pensiamo sia destinata a favorire operazioni successive, anche di possibili sgomberi. E come tali le percepiamo.

Siamo anche convinti che sia il Comune di Roma che il Municipio XIV siano complici di operazioni come queste, visto l’attivo impegno del NAE e dei vigili urbani e non ci meraviglieremmo di scoprire che siano addirittura i mandanti di una scellerata modalità già sperimentata a Cardinal Capranica. Forse un modo per fare campagna elettorale in nome della legalità scagliata contro il disagio sociale e la povertà.

LEGGI ANCHE – Primavalle, parcheggia l’auto in doppia fila: nascondeva 25 dosi di cocaina

Per questo siamo intenzionati ad impedire qualsivoglia nuovo accesso se non concordato e ci apprestiamo a rafforzare le misure di difesa in tutte le occupazioni abitative romane. Chiediamo inoltre di essere messi al corrente del perché di questa operazione e se ne sono previste altre.

Chiediamo alla città di sostenere le nostre decisioni e chiamiamo tutte e tutti ad una
ASSEMBLEA CITTADINA Giovedì 13 Maggio, alle ore 17
presso l’Occupazione di Valle Fiorita
in via Torrevecchia 156.

Scrivi un Commento

nove − 8 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy