Casilina News
Cronaca

Quadraro. Gli chiedono di abbassare il volume dello stereo e poi entrano in casa: poliziotti arrestano pusher

Quadraro. Gli chiedono di abbassare il volume dello stereo e poi entrano in casa: poliziotti arrestano pusher

Attraverso svariate attività di indagine, il personale del commissariato Tuscolano, diretto da Fiorella Bosco, è risalito ad un uomo che, a via Gaio Melissa, era intento a svolgere un’attività di spaccio di sostanza stupefacente.

Ecco i fatti

Predisposto un apposito servizio di osservazione ed appostamento nei pressi dell’abitazione dell’uomo, gli investigatori si sono introdotti, con un escamotage, all’interno dell’androne e lì hanno potuto constatare un forte odore di marijuana provenire proprio dall’appartamento tenuto d’occhio.

In considerazione di ciò gli investigatori della Polizia di Stato, con la scusa di chiedere all’uomo di abbassare il volume del suo stereo, si sono fatti aprire l’uscio di casa e, una volta dentro, lo hanno sottoposto ad un controllo. Lui stesso ha consegnato spontaneamente frammenti di hashish, per un peso complessivo di 53 grammi, custoditi in una scatola di plastica all’interno della parete attrezzata in soggiorno.

Successivamente, nello stesso mobile, sono state trovate altre due scatole di plastica: una contenente marijuana per un peso  complessivo  di 253 grammi mentre l’altra contenente 75 grammi della stessa sostanza, suddivisa in 12 involucri. Nel corso dell’operazione sono stati rinvenuti anche materiale per il confezionamento e due bilancini di precisione oltre a due coltelli da cucina intrisi di sostanza stupefacente.

LEGGI ANCHE – Quadraro, aggredisce l’ex compagna fin quasi a soffocarla con una t-shirt

Nella camera da letto, all’interno di un comodino poi, è stata scovata la somma di 370 euro suddivisa in 16 banconote da 20 euro e una banconota da 50  euro, nonché un foglio manoscritto riportante degli importi evidentemente riguardanti la contabilità dell’ illecita attività di spaccio.

Il giovane, arrestato per il reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato posto temporaneamente agli arresti domiciliari in  attesa del rito direttissimo.

Scrivi un Commento

5 × 3 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy