Casilina News
Cronaca

Caso Vannini, Federico Ciontoli: “Mio padre deve pagare”

Roma. Pedofilo latitante arrestato: l'uomo era ricercato in Inghilterra da circa sei anni

Fanpage.it ha incontrato Federico Ciontoli, a pochi giorni dalla sentenza di Cassazione che dovrà decidere se è colpevole e deve andare in carcere. I giudici della Seconda Corte di Assise di Appello lo hanno condannato a 9 anni e 4 mesi di carcere per concorso anomalo in omicidio volontario per la morte di Marco Vannini.

Caso Vannini, Federico Ciontoli a Fanpage.it: “Mio padre deve pagare”

“Non voglio sfuggire alle mie responsabilità, se la Cassazione sceglierà che io debba andare in carcere, ci andrò perché è giusto che sia così”, dice Federico Ciontoli e spiega come la verità giudiziaria scritta finora dai giudici non corrisponda al vero: “Il motivo per cui sto raccontando è semplicemente perché mi sembra tutto assurdo, penso che sia importante raccontare come sono andate veramente le cose”.

Sul rumore dello sparo, Federico spiega: “Quando c’è stato lo sparo io mi trovavo in camera mia con Viola. Stavamo vedendo un film sul letto, la porta era chiusa e quando ho sentito quel rumore non ero neanche sicuro che provenisse da casa mia. Mi sono deciso ad alzarmi quando ho sentito subito un vociare provenire dal bagno”, mentre sulla maglietta indossata da Marco Vannini quella sera dice “Io non so i panni che Marco aveva a casa, io ti posso dire quello che ho vissuto quella sera e quando sono arrivato Marco non aveva vestiti perché chiaramente era in vasca”. Sull’arrivo degli operatori del 118 sul posto, Federico racconta “Io al loro arrivo non ero in casa e non c’era neanche Viola. – spiega – Lo ha dichiarato anche mio padre, con lui c’erano solo mia madre e mia sorella”.

Infine sul padre, Federico Ciontoli dichiara “Lui è giusto che paghi, è giusto che paghi perché la vita di una persona, Marco non c’è più e gli è stata strappata per una cazzata, per uno scherzo del c****” e poi si rivolge ai genitori di Marco: “Io non so se loro riusciranno mai a perdonarmi per il fatto di non essere riuscito a salvare il loro figlio. Sono stato stupido, ingenuo, ho creduto alle bugie ma questo è quello che sono riuscito a fare quella sera”.

QUI IL VIDEO: https://youmedia.fanpage.it/video/aa/YICCX-SwJXGtgrsg

Scrivi un Commento

undici + tre =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy