Casilina News
Attualità

Lazio, contagi in aumento e indici RT in leggero rialzo: il rischio zona arancione c’è

lazio contagi indice rt zona arancione

Lazio in zona arancione: esistono le possibilità per cambiare colore? Andiamo a vedere se, nei prossimi giorni, la situazione nel centro Italia può cambiare.

Lazio, il rischio zona arancione c’è sempre

La comunicazione ufficiale non è arrivata ma l’ombra zona arancione, specialmente per il Lazio, torna a farsi sempre più presente. Come ogni fine settimana, bisognerà aspettare i monitoraggi da parte dell’Istituto Superiore di Sanità che decreterà il cambiamento effettivo della zona, andando a valutare indici e parametri di rischio.

Quello che bisogna sottolineare è che i casi nel Lazio sono in aumento: solo ieri si sono registrati ben 1.520 nuovi positivi, con un incremento di 332 positivi in più rispetto al giorno prima. Anche D’Amato, in un comunicato di qualche giorno fa, ha detto che la curva dei contagi è in ascesa e proprio per questo serve un maggiore senso di responsabilità da parte dei cittadini.

Anche i posti in terapia intensiva iniziano a preoccupare. Il Lazio si trova sotto la soglia 25 di rischio ma, come dimostrano i dati, c’è stato un aumento dell’1%. Numeri che non fanno ben sperare quindi e, come abbiamo detto in precedenza, il rischio della zona arancione c’è.

LEGGI ANCHE – Roma. Slitta il voto a dopo l’estate? L’ipotesi del rinvio è sempre più concreta

Zona arancione: cosa cambia?

Bar e ristoranti saranno chiusi. Per loro sarà consentito l’asporto fino alle ore 22. Discorso diverso, invece, per i negozi che potranno essere aperti regolarmente.

Quelli che trovano in zona arancione, ma vivono in un Comune di meno 5 mila abitanti, potranno spostarsi in un raggio di massimo 30 km, indipendentemente dai confini comunali. Niente spostamenti verso i capoluoghi e coprifuoco fissato alle ore 22:00.

A ogni modo, la comunicazione ufficiale dovrebbe arrivare soltanto nel pomeriggio di oggi e verosimilmente è probabile che il Lazio resterà ancora in zona gialla, ma ancora una volta si tratterebbe di una scelta “al limite”, poiché i dati sarebbero molto vicini a una zona arancione. Staremo a vedere quale sarà dunque la decisione ufficiale, che, ricordiamo, avrà valore effettivo a partire da lunedì 8 marzo 2021. Se sarà confermata la zona gialla, come sembra trapelare, nulla cambierà. Almeno per ora.

Scrivi un Commento

2 × 4 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy