Casilina News
Attualità

Turismo a Roma, i dati sono allarmanti: dopo il Covid-19 si registra un -74,1%

turismo roma covid 19 dati

La crisi del turismo a Roma ha effetti diretti sulle tariffe del comparto, che scendono inesorabilmente a fronte della minore domanda. Lo afferma il Codacons, commentando lo studio diffuso oggi da Intesa Sanpaolo e Srm.

Calo del turismo a Roma: i dati sono allarmanti

“Se da un lato il Covid nel 2020 ha ridotto la domanda turistica nella capitale del -74,1%, dall’altro ha portato ad una forte riduzione dei listini nei servizi ricettivi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Analizzando infatti i dati Istat relativi all’andamento dell’inflazione registrata a Roma nei vari comparti, si scopre che nel 2020 le tariffe di alberghi, pensioni e bed and breakfast hanno subito un calo medio del -4,3% su base annua. I listini delle strutture ricettive, che generalmente subiscono ritocchi periodici al rialzo, sono cioè sensibilmente diminuiti come effetto delle minori presenze di turisti e del crollo della domanda”.

LEGGI ANCHE – Torre Gaia, in cerca di droga viene accoltellato ad un braccio: identificato il responsabile

“Roma assieme a Venezia è la città italiana che più di tutte ha risentito della crisi del turismo, con una forte perdita del fatturato e danni che non riguardano solo le imprese del comparto, ma tutto l’indotto, e temiamo che, di questo passo, nella capitale ci vorranno anni per tornare ai flussi turistici e ai ricavi pre-Covid” – conclude Rienzi.

Scrivi un Commento

10 + diciannove =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy