Casilina News
Cronaca

Carabiniere ucciso nell’attentato in Congo: Vittorio Iacovacci era originario di Sonnino

Morto Gianfranco D'Angelo, comico mattatore del Drive-In, e non solo: si è spento a 84 anni a Roma

Le vittime italiane in Congo vengono compiante dalle Istituzioni e dai cittadini dell’Italia intera. Particolare attenzione a Sonnino, dove si ricorda Vittorio Iacovacci, il Carabiniere rimasto ucciso durante l’attentato di oggi.

Morto in Congo Vittorio Iacovacci: il Carabiniere 30enne originario di Sonnino

Il 30enne era assieme all’ambasciatore italiano Luca Attanasio durante l’agguato avvenuto vicino a Goma. Entrambi sono rimasti vittime dell’agguato mentre viaggiavano a bordo di un convoglio della Monusco: la missione dell’ONU per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo. Vittorio Iacovacci aveva 30 anni ed era originario di Sonnino, in provincia di Latina. L’uomo era effettivo al tredicesimo Reggimento Carabinieri Friuli Venezia Giulia, avente sede a Gorizia. Iacovacci aveva prestato servizio anche alla Folgore.

La Comunità di Sonnino è rimasta sgomenta dopo aver appreso la notizia, così come anche i Carabinieri, i cittadini, i familiari, gli amici e le Istituzioni tutte. Assieme a Luca Attanasio, oggi l’Italia ha perso due membri di alto valore della nazione.

Scrivi un Commento

16 + 19 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy