Casilina News
Cronaca

Roma, fratelli romani nei guai all’Appio: bombe carta e droga nella sala scommesse che gestivano

Roma. Nascondevano bombe carta e droga nella sala scommesse che gestivano: la Polizia di Stato arresta 2 fratelli romani.

I fatti

Insospettiti dagli strani movimenti nei pressi di una sala scommesse chiusa in rispetto delle normative anti Covid, gli agenti della Polizia di Stato hanno predisposto dei servizi di appostamento in abiti civili.

E’ stato così che gli investigatori del commissariato Appio, diretto da Pamela De Giorgi, hanno visto G.V., 41enne romano, entrare nel negozio ed uscirne subito con una bicicletta.

Quando l’uomo è tornato dopo alcuni minuti, con lui c’era S.V., il fratello 38enne, che in mano aveva una busta.

I poliziotti hanno poi notato che erano iniziate ad arrivare persone che entravano nella sala per uscirne nel giro di pochi minuti ed hanno deciso di intervenire accedendo anche loro all’interno.

In uno sgabuzzino, nascosta tra altre buste, gli agenti ne hanno trovato una contenente circa 1 chilo e 200 grammi di hashish, alcuni grammi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi; nella busta che aveva il fratello minore c’erano invece 3070 euro, probabile provento dell’illecita attività di spaccio ed infine, in una scatola di cartone adagiata sul pavimento, erano riposte 175 bombe carta artigianali.

LEGGI ANCHE – Si fingeva primario negli ospedali di Roma per raggirare gli anziani

Per i 2 fratelli sono scattate le manette; la droga è stata sequestrata così come le bombe carta che sono state prelevate dagli artificieri.

Scrivi un Commento

17 + 13 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy