Casilina News
Cronaca

Ostia, diverse persone nei guai: ecco perché (FOTO)

Sono stati fermati per un controllo dagli agenti della Polizia di Stato del X Distretto Lido di Roma, diretto da Antonino Mendolia, su Corso Duca di Genova perché avevano violato il coprifuoco disposto dall’ultimo D.P.C.M.. Durante il controllo, due cittadini sono stati trovati con merce di dubbia provenienza: orologi di marche prestigiose, borse da donna griffate, occhiali, vestiario con etichetta, cinture, portafogli, oggetti elettronici, telefoni cellulari e per finire, arnesi atti allo scasso e guanti in pelle e gomma.

Ciò che è emerso dai controlli della Polizia di Stato

Sono trascorse le 22 dello scorso 21 gennaio quando i poliziotti, una volta fermata l’autovettura con a bordo un cittadino messicano identificato per H.R.C.A. di 35 anni ed 1 cileno O.T.P.F.C. di appena 19 anni, hanno notato che il primo cercava di occultare qualcosa tra i sedili. Un particolare che non è sfuggito ad un agente che immediatamente lo ha bloccato: il giovane aveva tentato di nascondere un passaporto messicano a lui intestato- I poliziotti hanno quindi deciso di perquisire gli occupanti e la macchina. Addosso al cittadino messicano hanno trovato, custoditi all’interno di un marsupio, 1150 euro in contanti e diverse banconote del Banco Central de Chile; il cittadino cileno invece oltre a denaro contante, all’interno di un porta monete di marca nascondeva orecchini in perle e in oro catenine d’oro anelli da donna con brillante, collier e anello con brillante ed anche lui aveva un passaporto messicano intestato ad altra persona.

La perquisizione è stata estesa anche presso l’abitazione dove gli agenti hanno rinvenuto molti orologi di marche prestigiose borse da donna griffate, occhiali, vestiario con etichetta cinture, portafogli, oggetti elettronici, telefoni cellulari, un PC Notebook ed un Rolex, questi ultimi due risultati provento di un furto in abitazione avvenuto a Fiumicino proprio il 21 gennaio. Oggetti che sono stati riconsegnati alla legittima proprietaria.

LEGGI ANCHE – Ostia, fermata pusher con la droga in macchina. Arrestato anche il compagno 

Una volta rientrati in Ufficio con i due cittadini, gli agenti hanno approfondito i controlli sui passaporti che sono risultati contraffatti e pertanto consegnati agli specialisti della Polizia Scientifica per ulteriori accertamenti.

Terminati gli atti, gli investigatori, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, hanno proceduto nei confronti dei due stranieri, al fermo di polizia giudiziaria per i reati di ricettazione e possesso di documenti falsi. Dopo la convalida i due fermati sono stati accompagnati in carcere.

Gli ulteriori controlli

Dopo qualche giorno, il 25 gennaio scorso, gli investigatori dello stesso Distretto, proseguendo nelle indagini legate ai due fermati, sono arrivati a individuare un appartamento, ricavato da ex lavatoi, abitato da alcuni cittadini cileni. Decisi ad effettuare un controllo, i poliziotti, dopo aver circondato l’edificio, sono saliti al quarto piano dove, da un appartamento è uscito un cittadino straniero con un trolley ed uno zainetto. Quando quest’ultimo ha sospettato di trovarsi di fronte a poliziotti, ha cercato di richiudere immediatamente la porta ma è stato bloccato.  Entrati all’interno dell’abitazione gli investigatori hanno riscontrato la presenza di un secondo uomo, che ha cercato di fuggire dal balcone della cucina arrampicandosi poi sul tetto dove però, immediatamente raggiunto, è stato bloccato.

Durante la perquisizione gli agenti hanno rinvenuto numerosa merce di dubbia provenienza, probabilmente il bottino di più furti.  Accompagnati negli uffici di polizia, i due, cittadini cileni di 31 e 29 anni, il primo con vari precedenti di polizia, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso. Uno dei due, è risultato essere la persona effigiata sul passaporto falso rinvenuto indosso al cittadino messicano sottoposto, in precedenza al fermo.

Scrivi un Commento

13 − tre =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy