Casilina News
Cronaca

Operazione antibracconaggio condotta dai Carabinieri Forestali tra Palestrina e Artena

Operazione antibracconaggio condotta dai Carabinieri Forestali tra Palestrina e Artena

Il WWF Roma Area Metropolitana esprime il proprio apprezzamento per l’operazione antibracconaggio condotta nei giorni scorsi dai Carabinieri Forestali nei territori compresi tra i comuni di Palestrina e Artena.

DAL WWF UN PLAUSO AI CARABINIERI FORESTALI

L’intervento degli uomini dell’Arma ha portato ad elevare sanzioni per centinaia di euro per violazioni della legge che disciplina l’esercizio venatorio. In particolare i Carabinieri Forestali hanno sorpreso diversi cacciatori intenti nella (purtroppo sempre più diffusa) pratica illegale della posta mattutina e serale alla beccaccia, proprio il momento nel quale questo stupendo selvatico è maggiormente vulnerabile e facile preda dei bracconieri.

PREOCCUPA L’ESCALATION DEL BRACCONAGGIO NELL’HINTERLAND DELLA CAPITALE URGONO MISURE DI TUTELA ED IL RAFFORZAMENTO DEI CONTROLLI

“Le modalità di caccia e di prelievo alla beccaccia, consentita nel Lazio fino al 20 gennaio, unite al disturbo alla specie derivante dalle attività venatorie nei boschi e al bracconaggio, rappresentano una pericolosa minaccia alla ‘sostenibilità’ del prelievo venatorio alla specie, condizione necessaria al prelievo stesso – dichiara Carlo Aprile Consigliere del WWF Roma e Coordinatore delle Guardie WWF di Roma – Per queste ragioni quello effettuato dai Carabinieri Forestali costituisce un importante intervento a tutela della specie, e auspichiamo che interventi analoghi vengano effettuati con sempre maggiore frequenza, recenti studi infatti dimostrano che lo stato di conservazione della beccaccia nidificante in Italia non è ancora conosciuto”.

Il WWF Roma e Area Metropolitana inoltre intende evidenziare il preoccupante dilagare degli episodi di bracconaggio verificatisi nelle ultime settimane nelle campagne circostanti la Capitale dove ben sei rapaci sono stati uccisi a fucilate dai bracconieri tra i quali splendidi esemplari di biancone, falco di palude, sparvieri, gheppi oltre ad altri 4 rapaci impallinati tra cui un falco pellegrino proprio nel territorio di Palestrina.

“Ad emergere con chiarezza – aggiunge Carlo Aprile – è un preoccupante scenario di illegalità diffusa, facilitato dalla carenza dei controlli”.

Per contrastare queste pratiche illegali da anni il WWF si batte per una nuova legge che inasprisca le pene ai danni dei bracconieri introducendo il reato di uccisione, commercio e detenzione di specie protette.

“Preoccupa – conclude Raniero Maggini Presidente del WWF Roma e Area Metropolitana – anche il sottile confine che sembra emergere tra caccia consentita e bracconaggio. Non è infatti infrequente che la violazione delle regole sancite dalle norme di settore avvenga ad opera di cittadini muniti di licenza di caccia. Sarebbe importante a tal proposito che le Associazioni venatorie richiamassero i propri iscritti – e non – a maggiore responsabilità, al rigore necessario per evitare gravi derive.”

Scrivi un Commento

due × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy