Casilina News
Cronaca

Pigneto, aggredisce il proprietario di un minimarket per una birra: arrestato. In manette anche un borseggiatore

pigneto aggredisce minimarket birra

In poche ore, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato 3 persone, due con l’accusa di rapina e uno per furto aggravato.

Ecco tutti i dettagli

Il primo a finire in manette è stato ragazzo romano di 27 anni, con precedenti, che insieme ad altre due persone, al momento rimaste sconosciute, ha aggredito il gestore di un minimarket di via Roberto Malatesta per appropriarsi di una bottiglia di birra. Il rapinatore, dopo una breve fuga a piedi, è stato bloccato in via Renzo da Ceri, dove ha tentato di aggredire fisicamente i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma che lo stavano arrestando per guadagnare la fuga. Il 27enne è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare i suoi complici.

Poco dopo, nello stesso quadrante della Capitale, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un cittadino tunisino di 35 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, che nei pressi della fermata del bus “Bullicante” aveva sfilato dalle tasche di un cittadino del Bangladesh un telefono cellulare. Il ladro è stato bloccato in piazza della Marranella e trattenuto in caserma, in attesa del rito direttissimo, con l’accusa di furto aggravato.

LEGGI ANCHE – Pigneto, avvicina alle spalle una donna e la deruba dello smartphone

Infine, un 44enne originario della provincia di Messina, ma da tempo residente a Roma, è stato arrestato poco dopo essersi impossessato di un piumino del valore di 150 euro esposto in un grande magazzino di via Tuscolana. Il ladro, dopo essere stato scoperto dall’addetto alla sicurezza del punto vendita, lo ha violentemente aggredito per garantirsi la fuga, ma all’uscita ha trovato i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma che lo hanno ammanettato dopo aver recuperato la refurtiva. L’uomo, accusato di rapina, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Scrivi un Commento

7 + dieci =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy