Casilina News
Attualità

Nemi, la raccolta porta a porta si amplia: a breve verrà estesa su tutto il territorio

A Nemi Arriva “La pittura si fa spazio". Le arti sorelle

Finalmente anche a Nemi tra pochi giorni sarà ampliata la raccolta differenziata porta a porta dei materiali su tutto il territorio comunale. Siamo orgogliosi di poter annunciare questo importante cambiamento di civiltà e di poter metterci al pari di altri Comuni.

Ampliamento della raccolta porta a porta a Nemi

La raccolta differenziata è un obbligo di legge, che impone ai comuni di raccogliere in forma differenziata almeno il 65% dei rifiuti prodotti dai cittadini. Il nostro obiettivo è più ambizioso: sono certo che possiamo fare di più e differenziare almeno il 75% o meglio ancora l’80% dei nostri rifiuti, anche se siamo un Comune turistico.

Fare la raccolta differenziata è facile, si tratta di prestare un po’ di attenzione e migliorare le nostre abitudini. Sarà sufficiente organizzarsi e vedrai che risulterà un’attività appassionante, come un gioco per bambini.

Tutta l’organizzazione del servizio sarà comunicata, con un pieghevole contenente le istruzioni e con l’Eco-Calendario che vi saranno consegnati al momento dell’avvio del nuovo modello di raccolta (contestualmente alla distribuzione dei nuovi mastelli). Vi ringraziamo sin da ora per la vostra e fruttuosa collaborazione,e vi invito a scoprire come ci si può organizzare in modo semplice per iniziare.

RACCOLTA DIFFERENZIATA: L’IMPORTANTE È ORGANIZZARSI!

Alla base di una corretta raccolta differenziata, oltre a saper distinguere i diversi materiali (leggi con attenzione le indicazioni di seguito riportate  dedicato), occorre seguire alcune semplici regole che ci permetteranno di non sbagliare. Semplici regole che una volta acquisite saranno automatiche.

Organizziamo gli spazi della raccolta: i mastelli che si potranno tenere comodamente sotto il lavello o in un altro posto servono per contenere i rifiuti differenziati e andranno esposti sulla strada nel giorno che sarà indicato per il recupero.

Separiamo correttamente i rifiuti: riconosciamo il tipo di rifiuto, se è un imballaggio o un oggetto durevole, e inseriamo nel giusto contenitore dedicato. Dividiamo gli imballaggi composti da più materiali, per esempio separando il vasetto in plastica dello yogurt dall’involucro di chiusura in alluminio, oppure la confezione di cartone dalla finestrella in plastica!

Svuotiamo i contenitori prima di buttarli: togliendo gli avanzi di liquidi o di alimenti dalle bottiglie. I contenitori rimangono puliti e si evita di compromettere la qualità della propria raccolta differenziata. Non è indispensabile lavare i contenitori ma consigliamo di sciacquare solo quelli che potrebbero emanare cattivo odore!

LEGGI ANCHE – Nemi, 80enne si perde nella boscaglia adiacente al lago: salvato con l’elicottero

Riduciamo, schiacciamo e comprimiamo: le scatole, le bottiglie in plastica, le confezioni in cartone, i brick in TetraPack e tutti quegli imballaggi che sono voluminosi.

Esponiamo correttamente i contenitori: la sera prima del giorno di raccolta che è indicato sull’Eco-Calendario, con il coperchio chiuso e senza altri sacchi all’esterno.

Utilizziamo il conferimento su chiamata o le giornate ecologiche: per tutti gli oggetti ingombranti che non è possibile conferire con il sistema della raccolta domiciliare porta a porta.

Correggiamo sempre i nostri errori nella raccolta differenziata!

Scrivi un Commento

20 + 19 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy