Casilina News
Cronaca

Celio, furto con scasso vicino al Colosseo assieme alla figlia minorenne: 31enne nei guai

Colosseo. Nomade arrestato dalla Polizia di stato per furto con scasso su un’auto: aveva con sé la figlia minore.

Sono stati gli investigatori del commissariato Celio, diretto da Maria Sironi, ad arrestare, nel pomeriggio del 3 ottobre scorso in zona Colosseo, C.R., 31enne di etnia nomade, per furto con scasso all’interno di un’autovettura.

Scasso avvenuto in zona Colosseo

Due poliziotti liberi dal servizio, appartenenti ai commissariati Celio e San Lorenzo, mentre percorrevano Largo della Sanità Militare, hanno notato un’autovettura con targa francese che transitava su via Claudia dirigendosi verso il Colosseo, con a bordo un nomade in compagnia di una bambina.

Gli agenti, considerati i numerosi furti su auto che vengono giornalmente consumati nella zona del Colosseo, hanno ritenuto opportuno monitorare gli spostamenti dell’uomo e, dopo alcuni istanti, hanno notato che lo stesso si accostava verso la carreggiata, dopodiché scendeva insieme alla bambina e si aggirava tra le autovetture in sosta senza un apparente meta. Poco dopo i due si mettevano a guardare con insistenza il contenuto del bagagliaio di una macchina lì parcheggiata e, con un gesto repentino, e con l’uso di un oggetto appuntito, in ferro, l’uomo mandava in frantumi il vetro posteriore dell’auto asportando alcuni bagagli che poi riponeva nella propria auto con la quale si allontanava, insieme alla bambina poi risultata sua figlia, dirigendosi verso via della Navicella.

C.R. , seguito a vista dai poliziotti, è stato poi fermato in Via di Sant’ Erasmo.

LEGGI ANCHE – Celio, entra in un minimarket e aggredisce il proprietario per rubare 5 bottiglie di birra

A seguito di perquisizione, sull’auto dell’uomo sono stati rinvenuti tutti i bagagli rubati poco prima, riconosciuti senza ombra di dubbio dalla legittima proprietaria, nonché 2 cacciaviti, 1 pinza da elettricista e 2 chiavi inglesi, che sono stati sequestrati.

La minore è stata affidata alla zia e per C.R. si sono aperte le porte del carcere.

Scrivi un Commento

3 × 4 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy