Casilina News
Attualità

Contenimento Coronavirus nel TPL: i Sindacati chiedono una convocazione urgente per discutere sulle misure da adottare per tutelare lavoratori e utenti

Misure di contenimento del Coronavirus nel settore TPL: i Sindacati chiedono una convocazione urgente per discutere sulle misure da adottare per tutelare lavoratori e utenti

Le Organizzazioni Sindacali USB e Or.S.A. TPL hanno scritto una lettera indirizzata a Regione Lazio,
Assessorato Trasporti Regione Lazio, Comune di Roma, Assessorato Trasporti Comune di Roma e Atac spa al fine di concordare al meglio la gestione del trasporto pubblico a partire dalla riapertura delle scuole. Di seguito, il testo della loro missiva:

Sindacati chiedono una convocazione urgente per discutere sulle misure da adottare per tutelare lavoratori e utenti

Considerate
– la riapertura degli istituti scolastici il prossimo 14 settembre, che comporterà un notevole incremento dell’afflusso di passeggeri;

– le “Linee guida” del trasporto pubblico approvate nella Conferenza unificata Stato – Regioni in data 31 agosto, e in particolare la capienza massima prevista all’80% che se applicata impedirebbe un opportuno distanziamento interpersonale con evidenti rischi per la salute sia degli addetti del settore che dell’utenza;

– le forti criticità riscontrate in questi mesi riguardo ai controlli sul rispetto delle misure di contenimento, del tutto carenti e inadeguati, con la conseguenza di scaricare tutto il peso dell’emergenza sul personale frontline, che è stato infatti vittima di numerose aggressioni tanto sui bus che nelle stazioni e sui mezzi metroferroviari;

– la vertenza che le scriventi hanno già avviato proprio per la tutela della salute e della sicurezza sui mezzi del trasporto pubblico locale regionale,

richiedono una convocazione urgente per discutere sulle misure da adottare per tutelare i lavoratori e gli utenti in questa fase emergenziale.

LEGGI ANCHE – Roma, stagione scolastica al via: tutte le regole da rispettare per nidi e scuole dell’infanzia

Ritengono inoltre non più rinviabile una discussione serrata sul futuro delle Ferrovie Regionali oggi gestite da Atac spa e dei lavoratori in servizio sulle stesse.