Casilina News
Cronaca

Roma, sgomberato un insediamento abusivo in Via del Foro Italico

Roma – Al via sgombero insediamento abusivo in via del Foro Italico 531.

La soluzione per i residenti

Al via le operazioni di sgombero dell’insediamento abusivo collocato in via del Foro Italico 531. La Polizia Locale sta provvedendo a rimuovere bombole, allacci abusivi e baracche. Sul posto è presente la Sala Operativa Sociale che sta formulando proposte di presa in carico presso il circuito di accoglienza capitolino a tutte le fragilità presenti, mentre una soluzione permanente verrà loro assicurata in poche settimane. Garantito specifico supporto anche agli animali presenti, cani e gatti, tramite un’apposita unità a tutela del loro benessere.

LEGGI ANCHE – Roma, al via completamento opere pubbliche Pru Tor Bella Monaca

Le operazioni sono mirate a ripristinare un’adeguata condizione di salute pubblica e di legalità. Nell’area insiste infatti un’enorme discarica che rappresenta una forte minaccia ambientale per tutte le persone presenti nell’area e per i cittadini che abitano nel quartiere. A breve Ama inizierà gli interventi di bonifica della discarica, mettendo fine a una situazione di estrema pericolosità“, spiega il delegato alla Sicurezza della Sindaca Marco Cardilli. 

Lo riferisce in una nota il Campidoglio.

POLIZIA LOCALE, SGOMBERATO IL CAMPO NOMADI ABUSIVO DI VIA FOCE DELL’ANIENE

Sono iniziate questa mattina le operazioni di sgombero dell’insediamento abusivo si Via Foce dell’aniene, a ridosso della tangenziale est, in prossimità di Tor Di Quinto. L’insediamento, presente da anni con circa 65 unità abitative, si reso recentemente celebre agli onori della cronaca, sia a causa dei fenomeni di inquinamento ambientale, legati al traffico illecito di rifiuti, sia a causa di incendi che lo hanno pericolosamente lambito (l’ultimo dei quali risalente proprio a questa notte).

Alle prime ore del mattino, i caschi bianchi dei gruppi SPE, ROCS, GSSU, PICS GPIT e Parioli, alle dirette dipendenze del Comandante Stefano Napoli, sono intervenuti sul posto mettendo in sicurezza l’area in attesa della bonifica, da armi da taglio, oggetti contundenti e decine e decine di bombole del gas, per la stessa sicurezza dei residenti di zona. Sul posto erano già presenti alcune associazioni a tutela dei diritti dei nomadi, prima tra tutte Amnesty International. Sull’episodio è intervenuto il commento del sindacato UGL, che in una dichiarazione del Coordinatore Romano Marco Milani rende noto: ” L’attivitá odierna è l’ennesima dimostrazione delle mutate esigenze delle metropoli, che vedono il degrado urbano e la sicurezza sociale assurgere, ad una delle maggiori priorità delle amministrazioni cittadine Una mutazione che richiede di pari passo un adeguamento dei Corpi di Polizia Locale.

In questo senso apprezziamo la recente decisione di Roma Capitale, di bandire un concorso per 500 nuovi agenti, riconoscendo come sia il più numeroso mai bandito dagli anni del giubileo. Ci auspichiamo che tale impegno vada a completarsi con una rapida approvazione dell’ordinamento professionale di ufficiali ed agenti, che recependo finalmente le normative regionali in materia, renda ancor più funzionale ed efficiente l’attività di Polizia Metropolitana richiesta al Corpo”. Allestito un gabinetto di foto segnalamento da campo Le operazioni sono tutt’ora in corso.

Scrivi un Commento

2 × quattro =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy