Casilina News
Cronaca

San Lorenzo, ancora un bus Atac in fiamme oggi

Alle 16,46 in piazza Sito V a Roma i vigili del fuoco stanno intervenendo per incendio bus Atac. Sul posto intervenuta la squadra vf di Tuscolano1 (3 a).Le fiamme inizialmente partite dal vano motore hanno poi avvolto completamente la vettura. Cinque i passeggeri che erano trasportati sono stati fatti scendere dal conducente sin dal momento in cui il vano motore ha iniziato a fumare.Nessuno di loro è rimasto ferito o intossicato. Presente sul posto anche l’autobotte di Prati(ab9),il capoturno provinciale(1c) ed il funzionario di guardia(1b).Si sta provvedendo a mettere sotto sequestro la vettura interessata dalle fiamme. In loco polizia locale Roma Capitale e carabinieri.

Atac, in fiamme bus sulla linea 492. Nessun problema per le persone

Per ragioni ancora da stabilire, intorno alle 16.30 si è sviluppato un incendio su un bus della linea 492 che percorreva via dei Ramni. L’incendio non ha provocato problemi ai passeggeri.
L’azienda svolgerà i necessari accertamenti per risalire alle cause. 

ROMA: DUE BUS IN FIAMME IN POCHE ORE. CODACONS PRESENTA ESPOSTO IN PROCURA 

INDAGARE PER ATTENTATO ALLA SICUREZZA DEI TRASPORTI. SUBITO VERIFICHE SU MANUTENZIONE

LEGGI ANCHE – Roma, bus in fiamme in viale Regina Margherita: in corso gli accertamenti 

I due episodi di bus andati oggi in fiamme a Roma finiscono all’attenzione della Procura della Repubblica.

“E’ assurdo che nella capitale due autobus vadano a fuoco a distanza di poche ore l’uno dall’altro – afferma il presidente Carlo Rienzi – Crediamo sia necessario aprire delle indagini, considerati anche gli episodi dei mesi scorsi, per capire i motivi alla base dei numerosi roghi che con eccessiva frequenza si scatenano sui mezzi pubblici. In particolare chiediamo di fare luce sulla manutenzione che interessa i bus romani e verificare se nelle ultime settimane vi siano state carenze o ritardi che abbiano contribuito a determinare gli incendi, indagando per la possibile fattispecie di attentato alla sicurezza dei trasporti” – conclude Rienzi.

 

Scrivi un Commento

18 − uno =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy