Casilina News
Attualità

Polizia Locale, a una settimana dall’addio al Corpo dello storico comandante Di Maggio, ancora nessuna indicazione sul successore. UGL-ARVU: “Rischiamo lo sbando”

Polizia Locale, a una settimana dall'addio al Corpo dello storico comandante Di Maggio, ancora nessuna indicazione sul successore. UGL-ARVU: "Rischiamo lo sbando"

“Una settimana dopo l’addio al Corpo dello storico Comandante dei caschi bianchi romani Antonio Di Maggio, ancora nessuna indicazione è pervenuta dal Campidoglio circa la naturale successione” è quanto denunciano in una nota congiunta il Coordinatore Romano del sindacato UGL-PL Marco Milani ed il Presidente dell’ARVU Europea Mauro Cordova.

“Il fatto più grave è che la cessazione dell’incarico del precedente Comandante Generale, era una scadenza ampiamente prevista alla quale non ci si sarebbe dovuto far trovare impreparati. Nessuna indicazione è stata infine data nemmeno in merito a chi, tra i Vice Comandanti un carica, debba svolgere funzioni interinali, lasciando di fatto un Corpo paralizzato e privo di testa. Posta inevasa, incapacità di firma, incertezza su chi deva dettare le linee di indirizzo e chi rappresenti il terminale ultimo dei confronti Sindacali.”

LEGGI ANCHE – Roma, ultimo giorno per il Comandante della Polizia Locale Antonio Di Maggio. UGL: “Ha accompagnato il Corpo in una nuova epoca”

Continuano i rappresentanti dei vigili romani ” Il rischio è non solo che non ci si trovi all’altezza di affrontare le nuove sfide, quali il rinnovo dell’ordinamento professionale e l’applicazione della Legge Regionale a cui Roma resta inadempiente ma che di questo passo si arrivi allo sbando, vanificando il ritrovato senso di appartenenza, il recupero del rapporto con la cittadinanza e quanto altro di buono ottenuto con la gestione Di Maggio.” Concludono i sindacalisti.

Scrivi un Commento

sei − sei =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy