Casilina News
Attualità

Anagni, il messaggio del sindaco Daniele Natalia per il 2 Giugno

“Mai come quest’anno l’evento storico del referendum istituzionale italiano del 2 giugno 1946 si lega al concetto di “ricostruzione” che ne accompagnò le prime fasi dopo la tremenda prova del secondo conflitto mondiale.

Quelle italiane e quegli italiani furono chiamati a spendere le loro energie per ricostruire una Nazione in macerie, provata nel suo corpo vivo economico e sociale e nello spirito.

Oggi, dopo la fase critica del Covid-19 e con la crisi economica e sociale che l’ha accompagnata e di cui già abbiamo visto i primi segnali, il dovere di ricostruire questa nostra Italia ci accomuna e, cosa molto importante, ci unisce.

Come diceva Giuseppe Mazzini, l’anima repubblicana del nostro Risorgimento nazionale, la libertà non è un fine ma un mezzo per sviluppare le nostre forze; quelle stesse forze che ci hanno permesso di affrontare la nostra “grande prova” giusto poche settimane fa e che ci devono spingere a continuare su questa strada, quella dell’impegno e della dedizione costante ad una causa comune.

Leggi anche – Anagni, deteneva illegalmente 5 fucili: denunciato un uomo

E questa causa può essere tanto la ricostruzione della nostra Italia, quanto un più modesto – ma non per questo meno importante – ritorno alla normalità. Insieme possiamo, insieme ce la faremo.

Dobbiamo imparare ad ascoltare, a proporre e poi ad agire, coniugando le diverse istanze ed i più disparati interessi in una visione comune di sviluppo. Come anagnini questo è il compito fondamentale che spetta a noi amministratori ma anche ai cittadini.

Dunque ricostruzione per difendere il nostro patrimonio valoriale e per riappropriarci delle nostre vite al più presto proprio come fecero i nostri nonni il 2 giugno del 1946 e negli anni successivi”.

Foto in galleria

Scrivi un Commento

11 + 14 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy