Casilina News
Attualità

Una sentenza stabilisce che astenersi dal lavorare nelle feste religiose e civili è un diritto: potrebbero aprirsi clamorosi scenari

Sentenza stabilisce: astensione da lavoro in feste religiose e civili è diritto

USB: lavorare nelle festività religiose e civili non è obbligatorio, il Tribunale di Firenze sentenzia che astenersi è un diritto.

Toscana Aeroporti un’altra importante sentenza sulla non obbligatorietà del lavoro nelle festività religiose e civili.

Il Tribunale di Firenze con sentenza n.157/2020 ha nuovamente riconosciuto e nuovamente ribadito, accogliendo il ricorso di un altro gruppo di lavoratori, la non obbligatorietà della prestazione lavorativa nelle festività religiose e civili previste dalla legge. Questo è il terzo pronunciamento dopo la prima sentenza del 24 maggio 2017 e l’appello del 12 luglio 2019. La sentenza ribadisce che il diritto ad astenersi dal lavoro nelle festività resta in capo ai singoli lavoratori e che le OO.SS. firmatarie di accordi collettivi non ne possono disporre.

Questa nuova sentenza  apre ulteriori scenari sul lavoro nelle festività che potrà riguardare anche tante altre categorie di lavoratori, che, vittime delle selvagge liberalizzazioni, sono costretti ad oggi a prestare la propria opera anche nelle festività di legge.

Ora spetta a tutti i lavoratori, utilizzando anche queste sentenze, essere protagonisti per riconquistare tutti quegli spazi che ci sono stati tolti, come USB siamo pronti a dar loro voce e appoggio.

Un ringraziamento particolare va allo studio legale Conte che come ogni volta si è impegnato con professionalità e determinazione nella difesa dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici.

Scrivi un Commento

due × tre =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy