Casilina News
Attualità

A Genzano la prima RSA Covid Pubblica del Lazio: attivo anche un servizio di videochiamate con i parenti​

Aperta e operativa in tempi record all’interno dell’ex ospedale “De Sanctis” di Genzano la prima RSA Covid pubblica del Lazio. La struttura ha ricevuto la visita e gli apprezzamenti del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e dell’assessore regionale alla salute Alessio D’amato.

A Genzano la prima RSA Covid Pubblica del Lazio

Una struttura necessaria che nasce per dare una risposta concreta ai bisogni di salute e di sicurezza degli ospiti e delle loro famiglie che possono contare su un servizio sanitario pubblico di altissima qualità. Gli operatori che vi lavorano sono stati formati non solo per garantire la necessaria sicurezza ai pazienti ma anche a loro stessi.

Attivo anche un servizio di videochiamate con i parenti​

Grande cura anche all’aspetto umano per combattere, per quanto è possibile, una situazione di emergenza come quella attuale. Grazie alla donazione di HUAWEI è stato, inoltre, attivato un servizio di videochiamate con i parenti che possono tenersi costantemente informati sullo stato di salute dei propri cari.

Le RSA stanno attraversando un momento di difficoltà – spiega il Direttore Generale della ASL Roma 6, Narciso Mostarda – , abbiamo accettato la sfida e con un grande sforzo abbiamo aperto la prima RSA pubblica COVID-19 dedicata. In questa prima fase sono stati messi a disposizione, in tempi record e con tutte le procedure di sicurezza previste, i primi venti posti letto destinati a pazienti covid che non necessitano di cure ospedaliere, a cui se ne aggiungeranno in seguito altri 20.

LEGGI ANCHE – Genzano, droga e soldi “sottovuto”: sequestrati 38.220 euro e stupefacente. 2 pusher in manette

Un ringraziamento particolare va a tutti gli operatori, a tutti i tecnici e agli amministrativi che hanno consentito il raggiungimento di questo straordinario risultato. La tutela della salute è sempre stata al centro del sistema pubblico. L’esperienza COVID ci sta dicendo che non dobbiamo delegare responsabilità e decisioni”.

Scrivi un Commento

20 − 1 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy