Casilina News
Attualità

Roma, Coronavirus. UGL: “Solidarietà sociale attraverso il Banco di Mutuo Soccorso per l’emergenza Covid-19”

roma covid19 ugl raccolta alimentare

Il noto sindacato UGL chiede alla Sindaca di Roma, Virginia Raggi, una raccolta alimentare per l’emergenza economica. Ecco la nota.

Il comunicato di UGL

La scrivente Segreteria delle Autonomie Locali, continua a registrare il crescente grido di aiuto proveniente da migliaia di famiglie in gravi condizioni di sostenibilità economica prodotta dalla necessaria chiusura di attività produttive e commerciali e del ferreo divieto alla mobilità, imposte dai provvedimenti governativi.

Anche a Roma già si registrano le prime richieste di solidarietà sociale lanciate da Presidenti di Municipio e Associazioni di volontariato che, prima di tutti, sono i destinatari degli appelli delle persone socialmente fragili in aumentata difficoltà. Nella casistica, purtroppo, non ci sono solo le già classificate categorie seguite dai Servizi Sociali comunali e municipali come gli anziani, i disabili, i minori ma, oggi, anche famiglie che fino a qualche settimana fa potevano contare su entrate da lavoro, seppur precario o autonomo, che oggi non possono svolgere, anche perché soltanto collocati in CIGS o altri ammortizzatori sociali non sempre sufficienti al fabbisogno familiare.

LEGGI ANCHE – Pazienti di Nerola ospitati al Nomentana Hospital, la ASL Roma 5 contatta le famiglie per indicare un numero da chiamare per avere informazioni sullo stato di salute dei propri cari

Per questo, ci appelliamo a Lei nella doppia veste di Sindaca di Roma Capitale e dell’Area Metropolitana affinché, alle già attivate azioni di supporto sociale, si istituisca, da subito prima che il problema diventi emergenza, una tangibile azione di aiuto alle famiglie in difficoltà, attraverso la creazione di un Banco di Mutuo Soccorso – B.M.S. – presso i maggiori centri commerciali dell’area metropolitana di Roma, dove possano essere raccolti generi di prima necessità da parte di privati cittadini e dagli stessi centri commerciali e da altri esercizi autorizzati all’apertura, delle merci deperibili invendute e altrimenti destinati
alla distruzione.

La successiva distribuzione domiciliare, potrebbe essere affidata alla Polizia Locale secondo la pianificazione coordinata dei Servizi Sociali e Protezione Civile comunale. Una tale iniziativa farebbe sentire concreta la presenza delle Istituzioni ed accrescerebbe sostanzialmente il senso di comunità e senso civico che, in questo difficile momento storico, potrebbe fungere da contenimento di una futura incontrollabile
implosione dell’equilibrio della convivenza collettiva.

IL COORDINATORE ROMANO UGL-

P.L. IL SEGRETARIO PROVINCIALE DI ROMA

Scrivi un Commento

2 × due =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy