Casilina News
Attualità

Piedimonte San Germano, segnalati tre casi di coronavirus: il Sindaco Ferdinandi ringrazia gli angeli custodi della città

Piedimonte San Germano, segnalati tre casi di coronavirus: il Sindaco Ferdinandi ringrazia gli angeli custodi della città

FERDINANDI RINGRAZIA GLI ANGELI CUSTODI DELLA CITTÀ DI PIEDIMONTE SAN GERMANO.

Mentre a Piedimonte non si nasconde una naturale apprensione per i tre casi, segnalati dal primo cittadino dalle autorità competenti, di persone positive al Coronavirus, lo stesso sindaco ha preso carta e penna e ha inviato ai cittadini una lettera nella quale esprime un sincero ringraziamento a quanti stanno operando a vario titolo in questo momento di grande emergenza sanitaria.

“In questo momento nel quale ci sembra di vivere all’interno di un film, dichiara il sindaco – mi sento in dovere di ringraziare quanti si stanno prodigando per aiutare i cittadini e le istituzioni”.

“Sin dai primi giorni di emergenza ho potuto registrare l’impegno di medici di base, farmacisti e operatori sanitari del nostro comune. Ringrazio anche le forze dell’ordine, le associazioni, i dipendenti comunali, in particolare la polizia locale e gli operatori ecologici che ogni mattina garantiscono un servizio essenziale la raccolta dei rifiuti, e il gruppo di minoranza, che sta collaborando con forte senso di responsabilità istituzionale”.

“Un grazie alle decine di volontari, ai cittadini “qualunque” che si prestano per consegnare la consegna della spesa e dei medicinali a quanti non hanno la possibilità di spostarsi”.

“Dal 17 Marzo  – continua il sindaco  – abbiamo istituito il Coc (Centro operativo comunale) e qui va un grazie particolare alle tre associazioni di Protezione Civile, e all’associazione di Croce Rossa ai suoi
presidenti e ai volontari”.

Nella lista dei ringraziamenti non mancano quelli indirizzati alla Dirigente Scolastica, al corpo insegnanti e agli operatori scolastici che hanno attivato in breve tempo la didattica a distanza, al parroco don Tonino Martini che attraverso la preghiera rassicura gli animi e dà serenità.

Non manca il grazie ai negozianti, che “hanno saputo offrire il servizio di consegna a domicilio gratuito dei loro prodotti”.

Il sindaco conclude la sua lettera con l’invito, inteso come un ordine morale, di “rimanere a casa” per la salvaguardia personale, per i propri cari e di tutta la comunità.
#RESTIAMOACASA
#ANDRATUTTOBENE

Scrivi un Commento

sedici − quindici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy