Casilina News
Attualità

L’educazione sessuale dei giovani si fa online: e può essere di qualità

L’educazione sessuale dei giovani si fa online: e può essere di qualità

I canali dell’educazione sessuale tra tabù e contraddizioni

L’educazione sessuale è tutt’ora un tema considerato spinoso e, nella maggior parte dei casi, è ancora un tabù. Questo dato di fatto è allarmante se si pensa che la maggioranza dei giovani non riceve un’educazione adeguata in merito alla sfera sessuale. Le conseguenze sono molto serie e preoccupanti, poiché una mancata educazione sessuale li rende dei soggetti più vulnerabili nel diventare vittime di coercizioni, abusi e violenze e il rischio di gravidanze indesiderate o di infezioni e malattie sessualmente trasmissibili è nettamente maggiore.

Inoltre, proprio perché la sessualità è censurata e considerata tabù, molti giovani ci si approcciano con sentimenti negativi di imbarazzo, vergogna, disapprovazione.
Una mancanza di educazione sessuale adeguata, spesso significa rivolgersi a canali di informazione informale, ovvero la famiglia, gli amici e la pornografia.

La problematicità di questi canali riguarda l’attendibilità e la correttezza delle informazioni trasmesse. Infatti, nel caso di genitori e amici, la mal informazione, l’informazione detta-non detta o l’informazione veicolata tramite esperienze personali, genera ulteriore confusione e disagio; nel caso della pornografia, il senso di confusione aumenta, in quanto i giovani non si rendono conto che la rappresentazione del sesso pornografico non corrisponde a quanto avviene nella realtà.

Anche nei rari casi in cui l’educazione sessuale avviene tramite canali considerati formalizzati, essa si limita a descrivere una parte limitata della sessualità, appiattendo il tutto alla dimensione della genitalità e del contatto fisico.

Altri aspetti altrettanto fondamentali, come la prevenzione della salute propria e altrui, la contraccezione, l’aborto e la dimensione emotiva e psicologica, vengono totalmente tralasciate, generando un ulteriore distacco su questo tema.

Cosa si intende per sessualità

In realtà, la sessualità è più complessa rispetto al mero aspetto fisico, infatti comprende il sesso, l’identità di genere, l’orientamento sessuale, l’erotismo, il piacere, l’intimità e la riproduzione. Essa viene influenzata da fattori biologici, sociali, psicologici, economici, politici, etici, storici, giuridici, religiosi e spirituali.

Generalmente, la sfera della sessualità si esprime e viene sperimentata tramite pensieri, desideri, fantasia, convinzioni, atteggiamenti, valori, comportamenti, ruoli e relazioni. Anche se la sessualità comprende tutte queste dimensioni, è bene ricordare che non tutte vengono manifestate, espresse oppure sperimentate.

Di cosa si dovrebbe occupare l’educazione sessuale?

L’educazione sessuale dovrebbe trattare aspetti cognitivi, emotivi, sociali, relazionali e fisici della sfera sessuale e, contemporaneamente, dovrebbe fornire le informazioni e i valori positivi per comprendere e godere beneficamente della propria sessualità, comportandosi empaticamente e responsabilmente nei confronti degli altri.

In quest’ottica, la sessualità è concepita in maniera positiva e come potenzialità umana.

Perché l’educazione sessuale si fa online?

Sul web si stanno diffondendo sempre di più nuove forme per insegnare l’educazione sessuale ai giovani e per offrirgli un nuovo punto di vista. Strano a dirsi, ma la maggior parte del lavoro viene svolto dai sexyshop online, che con blog sempre aggiornati e con un linguaggio vicino ai giovani, tolgono ogni dubbio su sessualità e su strumenti per scoprirla, nonché sulla prevenzione.
Per questo motivo, internet rappresenta sempre di più un veicolo per informarsi su temi e questioni riguardanti la sessualità. In tal modo, i giovani potranno approcciarsi al sesso in modo curioso, sereno, senza alcun tipo di disagio, imbarazzo o senso di colpa e potranno finalmente riscoprire in chiave positiva la sessualità propria e altrui e venire a contatto anche con alcuni aspetti che, generalmente, vengono tralasciati e che riguardano la dimensione intima ed emotiva di sé.

I sex influencer e il Sex positive movement

Quella dei sex influencer e dei sex blogger sui social e YouTube è una tendenza che sta spopolando recentemente, soprattutto in Inghilterra.
Si tratta di persone, principalmente donne, che aiutano ad educare i giovanissimi e a far crescere la loro consapevolezza sul tema della sessualità, rompendo vecchi tabù e false credenze.

Tra le più popolari si annoverano Olonisakin, Shakira Scott e Shani Jamilah che, attraverso il loro podcast chiamato Laid Bare, parlano liberamente di sesso e relazioni.
Tra i blog spiccano Kayleigh Daniels Dated, ovvero il racconto di una donna di fantasia che parla delle sue sperimentazioni sessuali, The Causal Sex Project che invita le donne a raccontare le loro esperienze di una notte e il Slutever.

Il fenomeno dei sex influencer è esploso anche grazie alla nascita, sempre in Inghilterra, del Sex positive movement, un movimento caratterizzato dall’apertura verso la sessualità in tutte le sue forme ed espressioni e dall’accento sul piacere sessuale.

In generale, sia il Sex positive movement che i sex influencer vogliono insegnare a celebrare la dimensione sessuale, a vivere positivamente la propria sessualità, a costruire relazioni sane e a sperimentare il sesso consensualmente.

I sex blog italiani

Anche in Italia i sex bloggers trattano esplicitamente di temi legati alla sessualità in tutte le sue forme facendo crollare miti e false credenze sul sesso.
La maggior parte di questi blog si occupa di sessualità declinata al femminile, offrendo una serie di pratiche erotiche per esplorare e scoprire la propria dimensione sessuale, sia da sole che in coppia.

A proposito di scoperta di sé, alcuni blog hanno anche una sezione dedicata ai sex toys, al loro uso, alla loro corretta manutenzione e ai prodotti necessari per mantenere delle corrette pratiche igieniche di disinfettazione.

Di grande importanza sono anche le sezioni dedicate alla funzione e anatomia dei propri organi sessuali, all’uso dei contraccettivi femminili e dei preservativi per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili.

Sex Education su Netflix

Sex Education è la nuovissima serie TV firmata Netflix che ha spopolato tra gli adolescenti poiché tratta della sessualità senza tabù. Attraverso un ventaglio di personaggi talvolta stereotipati, ma sempre credibili, vengono trattate le tematiche sessuali che possono interessare un qualsiasi adolescente, anche quelle più spinose: la prima volta, l’aborto, il rapporto difficile con il proprio corpo, il sexting, il revenge porn, l’omosessualità, la masturbazione.

Scrivi un Commento

otto − 6 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy