Casilina News
Cronaca

Testaccio, “Portatemi in carcere, non ce la faccio più”: stanco delle liti in famiglia evade dai domiciliari per farsi arrestare

testaccio carcere domiciliari liti in famiglia

Stanco delle continue liti in famiglia evade dai domiciliari e si presenta ai Carabinieri. E’ accaduto ieri pomeriggio, quando un 32enne romano, sottoposto agli arresti domiciliari dall’ottobre 2018 per spaccio di sostanze stupefacenti, si è presentato in caserma riferendo di essere stanco dei continui litigi e incomprensioni con la zia e la cugina, con cui divide l’abitazione a Testaccio, chiedendo una pena alternativa.

Ecco cosa è successo

E così, ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione Roma Aventino lo hanno nuovamente arrestato con l’accusa di evasione.

I Carabinieri, che già in passato avevano accertato altri episodi di allontanamento senza autorizzazione dall’abitazione, hanno richiesto l’aggravamento della misura cautelare al Magistrato di Sorveglianza di Roma che ha emesso un ordine per la carcerazione.

LEGGI ANCHE – Siti d’incontri e agenzie matrimoniali online: come evitare che la ricerca dell’anima gemella ci prosciughi il portafoglio

Il 32enne è stato quindi “accontentato” e portato nel carcere di Rebibbia.

Scrivi un Commento

dodici − nove =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy