Casilina News
Attualità

Lazio Ambiente, accordo tra sindacati e Regione: 129 dipendenti in fase di ricollocamento

Lazio Ambiente, accordo tra sindacati e Regione: 129 dipendenti in fase di ricollocamento

Nella giornata di venerdì 7 febbraio è stato siglato l’accordo che prevede il salvataggio di tutti i 129 lavoratori di Lazio Ambiente. Tale accordo è frutto di un lavoro avviato il 4 febbraio 2020 al fine di avere un corretto quadro per la gestione della ricollocazione del personale: già a partire dal 1 marzo tutti i lavoratori verranno destinati alle società partecipate o agli Enti Pubblici dipendenti, tranne alcuni che, ormai prossimi alla pensione, verranno incentivati all’esodo per la fuoriuscita volontaria. Garantita quindi la salvaguardia del livello occupazionale, un percorso risolutivo condiviso e siglato da tutte le forze sindacali.

LEGGI ANCHE: Atac, servizio metro in crescita nel 2019: +5,3% rispetto al 2018

“Esprimo soddisfazione dei confronti dell’accordo siglato ieri sera tra i sindacati e la Regione, guidata dal Presidente Zingaretti, sui lavoratori di Lazio Ambiente – dichiara in una nota apparsa sulla sua pagina Facebook il Sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna -. La piena ricollocazione nelle società pubbliche regionali è stata sempre la soluzione che noi sindaci abbiamo auspicato con maggiore volontà. Convincere i presidenti delle altre società non deve essere stato facile per gli assessori Valeriani e Di Berardino, ma vedo con piacere che il risultato è stato ottenuto. I fatti valgono più di tante parole che, chi vive nella malafede, sta pronunciando sempre più spesso da qualche mese a questa parte”.

“I 129 lavoratori di Lazio Ambiente stanno venendo ricollocati come promesso – il commento dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Colleferro Giulio Calamita -. L’impegno ce lo siamo presi prima di tutto noi come amministratori del territorio e la regione e le forze sindacali se ne sono occupate in maniera intelligente. C’è voluto un po’, come spesso capita, ma la soluzione è stata trovata. I problemi non si risolvono mai dall’oggi al domani, ci vuole pazienza. Ringrazio quei lavoratori che l’hanno avuta. Il loro futuro passa per un occupazione stabile in aziende che hanno bisogno di forza lavoro reale con uno scopo: non rimetterli in queste difficili condizioni. È un impegno che ci siamo presi ed abbiamo onorato allo stesso modo con cui abbiamo dato vita a Minerva. Per quanto mi riguarda si amministra risolvendo i problemi e non spostandoli avanti, così continuerò a fare”.

Scrivi un Commento

10 + 18 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy