Casilina News
Cronaca

Ladispoli, scoperti 23 lavoratori irregolari: uno di loro percepiva il reddito di cittadinanza

anagni impresa logistica evasione

Ventitré lavoratori, “in nero” e irregolari, sono stati individuati a Ladispoli dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma durante un controllo volto al contrasto del lavoro sommerso.

I dettagli

Le Fiamme Gialle della Compagnia di Ladispoli, coordinate dal Gruppo di Civitavecchia, li hanno colti mentre erano intenti a lavorare in un ristorante e in un agriturismo che, in base agli accertamenti preliminari, non risultavano avere personale alle dipendenze, pur realizzando banchetti ed eventi.

Nel primo caso, a fronte di 18 dipendenti identificati all’atto dell’accesso, ben 14 erano completamente “in nero” e 3 irregolari per la violazione delle disposizioni sull’appalto di manodopera. Nel secondo caso, l’agriturismo utilizzava 6 addetti “in nero”, tra i quali una donna italiana che percepiva il reddito di cittadinanza.

LEGGI ANCHE – Ladispoli, controlli antidroga. In manette anche un cuoco di un noto locale del posto

Quest’ultima è stata segnalata all’I.N.P.S. per la decadenza del beneficio.

L’attività rientra nel più ampio dispositivo di contrasto al lavoro “sommerso” predisposto dalla Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale e degli operatori onesti.

Scrivi un Commento

19 − otto =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy