Casilina News
Attualità

Comune di Roma, Tronca lascia in eredità impegno non mantenuto. La denuncia dei Sindacati

Roma Municipio V eletti consiglio

Roma, 23 giugno 2016 Nel giorno del passaggio di consegne dalla gestione commissariale al nuovo Sindaco, apprendiamo che un altro impegno preso dalla gestione commissariale, quello di liquidare nelle buste paga di giugno le quote residue del salario di produttività, non è stato mantenuto. La sgradita sorpresa, in assenza di alcun tipo di comunicazione, si paleserà ai lavoratori con le prossime buste paga. Si taglia nuovamente il salario, stavolta contravvenendo alle stesse decisioni unilaterali comunicate dall’amministrazione. Il fatto qualifica da un lato la gestione commissariale come responsabile di un ulteriore bluff a danno dei dipendenti, dall’altro fotografa impietosamente il livello di una dirigenza che al tavolo aveva garantito il saldo del salario di produttività 2015 con tanto di firma originale in calce a un documento ufficialmente consegnato alle organizzazioni sindacali in data 7 aprile 2016. Le lavoratrici e i lavoratori di Roma Capitale, che hanno lavorato rispondendo alle direttive dell’amministrazione e offrendo le prestazioni contrattualmente richieste, ricevono in cambio uno sberleffo e un ulteriore danno economico. Condizione inaccettabile che oltrepassa ogni limite e che non può passare impunita: Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl incaricheranno i loro studi legali per la messa in mora dell’Amministrazione. Chiediamo alla nuova amministrazione capitolina di intervenire con la massima urgenza per ripristinare la legalità ed i diritti dei lavoratori ad avere in busta paga quanto indebitamente sottratto. Inoltre è assolutamente necessario adottare scelte organizzative che valorizzino il lavoro dei dipendenti ed i servizi alla città. Occorre chiudere una volta per tutte la campagna persecutoria che da due anni subiscono i dipendenti capitolini. Il primo passo, ineludibile, è l’apertura del tavolo di confronto per restituire a Roma Capitale e ai romani un contratto integrativo che superi l’atto unilaterale e si occupi dell’offerta dei servizi, oltre che della tutela del salario di chi lavora al servizio della comunità.

Scrivi un Commento

tre − 2 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy