Casilina News
Attualità

Rischio presenza Listeria: il Ministero segnala richiamo Girello Bovino In Salsa Tonnata. Lotto incriminato e consigli per donne in gravidanza che lo hanno consumato

Piadina biologica olio richiamata ministero della salute 4 lotti

Il Ministero della Salute ha segnalato il ritiro dagli scaffali dei supermercati del “Girello Bovino In Salsa Tonnataa marchio GUSTO QUI per rischio microbiologico. In un comunicato, pubblicato sul sito internet ufficiale del dicastero, si specifica che il provvedimento riguarda il prodotto in vaschetta da 200 gr, con data di scadenza 24 novembre 2019 e appartenente al lotto di produzione 19145058,  realizzato da RIVALTA FOOD SPA nello stabilimento della frazione Rivalta Scrivia, in provincia di Alessandria di via Strada Savonesa n 15.

Rischio presenza Listeria, il Ministero segnala richiamo Girello Bovino In Salsa Tonnata

Analisi di autocontrollo avrebbero segnalato la presenza all’interno del prodotto di Listeria monocytogenes, un batterio presente nel suolo, sull’acqua e nella vegetazione, che può contaminare diversi alimenti, soprattutto quando non sono ben cotti ed è responsabile della listeriosi. Si ricorda che questa è una malattia infettiva che sopraggiunge per ingestione di determinati prodotti, soprattutto crudi, ma anche per contatto diretto e nel processo di macellazione di animali infetti.

LEGGI ANCHE – Birra tedesca con detergenti: ritirate anche in Italia 17 birre Franken Bräu. Ministero della salute segnala richiamo per Rischio chimico

Questo batterio, quindi, causerebbe un’infezione che potrebbe essere potenzialmente pericolosa per i consumatori, soprattutto per chi ha un sistema immunitario debole come anziani, bambini e soggetti che soffrono di patologie croniche. Come sempre avviene in casi di richiamo e ritiro di alimenti da parte del Ministero della Salute, si consiglia di non consumare il prodotto e restituirlo presso il punto vendita dove è stato acquistato per la sostituzione.

A scopo precauzionale e al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, raccomanda a coloro che hanno acquistato il prodotto medesimo lotto di appartenenza, di NON consumarlo! Nel caso il prodotto sia stato consumato da DONNE IN GRAVIDANZA si consiglia di consultare immediatamente un medico!”

Scrivi un Commento

diciannove − 8 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy