Casilina News
Tailorsan
Cronaca

Continuano le scosse di terremoto tra Ciociaria e Abruzzo e torna a tremare la terra a Colonna

scossa terremoto pescosolido balsorano colonna 11 12 novembre 2019

Magnitudo 1.7: questa l’intensità della scossa avvenuta a Colonna ieri sera. Era tempo che la zona non era coinvolta dalle scosse di terremoto e sebbene di portata non rilevante, ieri la terra è tornata a tremare anche nella zona alle porte di Roma.

LEGGI ANCHE – Scossa di terremoto con magnitudo 4.4 a Balsorano

Il tutto mentre proseguono i mini sismi tra Ciociaria e Abruzzo. Ieri sono state diverse le scosse che hanno colpito Pescosolido (Frosinone) e Balsorano (L’Aquila). Le scosse, anche qui di scarsa intensità, sono state di magnitudo compresa tra 1.1 e 1.9, con maggiore portata registrata in Abruzzo. Dalla nota scossa di 4.4 di giovedì scorso, sono state diverse le mini scosse, la cui più intensa è stata quella registrata poco dopo la mezzanotte del giorno stesso, di portata 3.5.

La terra torna a tremare a Colonna tra ieri e oggi

Alle 23:04 di ieri c’è stata invece una scossa di terremoto a Colonna. Era tempo che non erano segnalati sismi nella zona e si spera sia stato un episodio isolato e non un segnale di ripresa dell’attività sismica nella zona. 1.7 di magnitudo per 11 km di profondità: questa la portata del terremoto rilevato da INGV nella giornata di ieri. Tuttavia, anche stamattina, alle 05:44 c’è stata un’altra scossa, stavolta di magnitudo 1.8, sempre a Colonna.

Piccole scosse anche oggi

E nella giornata di oggi sono previste altre micro scosse tra Ciociaria e Abruzzo, sempre Pescosolido e Balsorano, ma di bassa intensità poiché di assestamento. Ovviamente, scosse di portata superiore non sono prevedibili come le suddette. A parte qualche cornicione caduto, non sono stati segnalati particolari danni a cose nei giorni scorsi e per fortuna nessun problema per l’incolumità delle persone, se non la paura che ha tolto il sonno a più di qualcuno, tra Ciociaria, Abruzzo e anche provincia di Roma. Monitoreremo la situazione, sperando di non dovervi dare ulteriori aggiornamenti.

Scrivi un Commento

tre × 2 =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy