Casilina News
Cronaca

Controlli nei quartieri Nomentano, Parioli, Salario-Trieste e piazza Bologna: 5 denunciati e 19 sanzionati

I Carabinieri della Compagnia Roma Parioli hanno eseguito una nuova raffica di controlli nelle zone Nomentano, Parioli, Salario – Trieste e piazza Bologna, “a caccia” di situazioni di illegalità o di degrado.

Il bilancio della nuova attività è di 5 persone denunciate a piede libero e altre 21 sanzionate. A finire nei guai sono stati: due romani di 25 e 29 anni, residenti rispettivamente ad Ardea e a Gallicano nel Lazio, sorpresi durante un controllo alla circolazione stradale in piazza Verdi mentre circolavano a bordo di un’auto al cui interno sono stati rinvenuti attrezzi vari per lo scasso. Nei loro confronti è scattata l’accusa di possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli; tre ragazzi romani di età compresa tra i 21 e i 23 anni sono stati sorpresi alla guida dei rispettivi veicoli in stato di ebbrezza alcolica e denunciati. In un caso è stato accertato un valore del tasso alcolemico oltre 3 volte superiore a quello consentito.

Cinque persone, invece, sono state segnalate dai Carabinieri all’Ufficio Territoriale del Governo in qualità di assuntori di droghe, dopo essere stati trovati in possesso di modiche quantità di sostanze stupefacenti – comunque sequestrate – dichiarate per uso personale.

Leggi anche – Nomentano, Parioli, Salario, Piazza Bologna: controlli serrati

Un cittadino romeno di 38 anni, nella Capitale senza fissa dimora, è stato sanzionato dai Carabinieri poiché ritenuto responsabile di porre in essere condotte che impediscono la libera accessibilità e la fruizione delle infrastrutture ferroviarie e delle relative pertinenze “c.d. DASPO Urbano”, mentre altre 18 sono le persone multate per aver violato l’ordinanza “Anti Alcol” del Sindaco di Roma.

Nel corso dell’attività, inoltre, sono stati controllati alcuni esercizi commerciali: in due cocktail bar della zona di piazzale delle Provincie i Carabinieri hanno accertato l’inottemperanza agli obblighi degli esercenti circa le cautele da adottare per evitare comportamenti che arrechino disturbo alla quiete pubblica e carenze sulla rimozione di rifiuti nelle pertinenze. Inevitabili per i titolari le relative sanzioni amministrative. In totale, i Carabinieri hanno identificato 161 persone e eseguito accertamenti su 87 veicoli.

Foto in copertina

Scrivi un Commento

sette + dodici =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy