Casilina News
Cronaca

Veroli, controlli nei centri d’accoglienza: sanzioni per alimenti non tracciati e condizioni igieniche non a norma nelle cucine

Civitavecchia, svolge la professione di odontoiatra senza avere la laurea: denunciato per esercizio abusivo della professione, falso e sostituzione di persona

Nella giornata di ieri, mercoledì 28 agosto, a Veroli, i militari della locale Stazione Carabinieri unitamente al personale del N.A.S. Carabinieri di Latina e quello della ASL – Ufficio Servizio Igiene Pubblica di Frosinone, hanno effettuato dei controlli presso due Centri di accoglienza per immigrati, ubicati nel citato comune, al fine di verificare il rispetto dei requisiti generali degli stessi, nonché la rintracciabilità dei prodotti alimentari utilizzati.

In uno di essi, venivano elevate a carico del legale rappresentante sanzioni amministrative per complessivi 2.500 euro, 1000 euro a causa del mancato rispetto dei requisiti generali d’igiene del locale adibito a cucina e 1.500 euro, nonché relativo sequestro preventivo di 5 kg. di carne, poiché la stessa veniva conservata a temperatura negativa e mancante di indicazioni per garantirne la rintracciabilità.

Vi sono altresì in corso da parte degli operanti, per entrambi i centri, accertamenti atti alla verifica delle regole di esecuzione del contratto d’appalto.

(immagine d’archivio)

DENUNCIATO 27 ENNE PER GUIDA IN STATO D’EBREZZA

Sempre nella giornata di ieri, in Veroli, il personale dell’Aliquota radiomobile della Compagnia Carabinieri di Alatri, nell’ambito di un predisposto servizio di controllo del territorio, deferivano in stato di libertà un 27enne, perché responsabile di “guida in stato di ebbrezza alcolica”.

Il predetto, fermato alla guida della propria autovettura in evidente stato di alterazione psicofisica, veniva sottoposto ad accertamento alcolimetrico, che evidenziava a suo carico un tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla norma.

La patente di guida veniva ritirata e l’autovettura sottoposta a sequestro amministrativo ai fini della confisca.

Scrivi un Commento

quattro × uno =

* Inviando un commento esprimi il tuo consenso per il trattamento dati, come indicato nella Privacy Policy e Cookie Policy