Attualità Inceneritori di Colleferro, spunta un documento ufficiale che lascia diversi dubbi

Pubblicato il 15 maggio 2018 | da Alessandro Coltrè

0

Inceneritori di Colleferro: dalla Regione è in arrivo un Stop al transito dei camion

Condividi

ColleferroLunedì 15 maggio. Scendendo in strada con bandiere e pezze di lana con scritto sopra Rifiutiamoli, gli attivisti del presidio e i residenti del quartiere Scalo, hanno fermato il transito di un camion diretto agli inceneritori. Sul posto sono arrivati anche l’assessore all’ambiente Giulio Calamita e il Sindaco Pierluigi Sanna. Dopo circa un’ora, il carico si è allontanato da Colleferro Scalo, lasciandosi alle spalle una comunità in lotta.

Le parole del Sindaco di Colleferro

Stanno arrivando segnali di smobilitazione – dichiara il Sindaco. Per la dirigenza,  procedere con le operazioni di Revamping risulta impossibile – continua Sanna –  e ora siamo in attesa di un tavolo con la Regione, in modo tale da poter definire aspetti tecnici e amministrativi  capaci di portare alla chiusura degli impianti. 

La posizione della Regione Lazio

Si attende dunque l’inizio di una frase di programmazione, che avrà l’obiettivo di definire i prossimi passi sulla gestione rifiuti, e che dovrà dare garanzie riguardo la chiusura delle due ciminiere. Intanto dalla Regione arrivano notizie su un atto amministrativo indirizzato ai dirigenti di Lazio ambiente: il  Consiglio Regionale del Lazio darà ordine di fermare l’invio del materiale necessario alla ristrutturazione degli inceneritori.

Il movimento Rifiutiamoli: “Restiamo al nostro posto”

Dall’altra parte, il movimento Rifiutiamoli resta a Colleferro Scalo e continua a riunirsi al presidio permanente. Gli attivisti, in quasi 200 giorni di picchetto, hanno organizzato diversi momenti di divulgazione sulle criticità ambientali della Valle del Sacco e hanno stretto rapporti con molti movimenti ambientalisti italiani. Inoltre, chi lotta contro gli inceneritori sta animando culturalmente il quartiere Scalo: da domenica scorsa i giardini di Largo Nicola Fontana hanno come sfondo un allegro murales , realizzato dallo studio IntoCore durante una giornata di cultura e musica curata da Rifiutiamoli.

A fine marzo, dopo l’avvio della procedura di vendita di Lazio Ambiente, in una delle loro ultime note stampa gli ambientalisti si sono rivolti direttamente ai possibili partecipanti della gara pubblica:

Chiunque abbia intenzione di acquisire le due società e chiunque veda come prospettiva di investimento il rilancio degli inceneritori, dovrà fare i conti con i cittadini di Colleferro e della Valle del Sacco che in cinquemila hanno manifestato la loro opposizione al riavvio degli impianti a luglio del 2017. Attendiamo con pazienza di conoscere i nostri prossimi potenziali interlocutori, se ce ne saranno. Di sicuro ci troveranno al nostro posto.


Condividi

Tags:


Notizie sull 'autore



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici − sei =

Torna su ↑

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi